00:17 07 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
Coronavirus - 2020 (fine gennaio - 20 marzo) (374)
2100
Seguici su

A dichiararlo è la China National Biotec Group, una delle più grandi produttrici di vaccini al mondo. Secondo una sperimentazione sul campo fatta dagli scienziati di questa azienda, il plasma dei pazienti guariti sarebbe ricco di anticorpi e potrebbe essere utilizzato per curare gli infetti.

La sperimentazione è già iniziata ed ha dato esiti molto incoraggianti comunica l’azienda – già tra le 12 e le 24 ore dopo il trattamento, i primi dieci pazienti infetti dal coronavirus COVID-19 sottoposti all’esperimento, avrebbero tutti mostrato miglioramenti del quadro clinico.

La China National Biotec Group (CNBG) è una società privata a partecipazione statale che fa parte dell’ancora più grande China National Pharmaceutical Group, società a controllo statale diretto e tra le più grandi al mondo. La CNGB, che è la quarta produttrice di vaccini a livello globale, afferma di essere riuscita a produrre un plasma farmaceutico a partire dal plasma e le immunoglobuline raccolte dai pazienti guariti.

Dopo severi test di biosicurezza del sangue, inattivazione del virus e test di attività antivirale, hanno trattato il plasma dei convalescenti per l’utilizzo clinico e lo hanno trasfuso ai pazienti in condizioni critiche. La società ha ora istituito un team che utilizza speciali attrezzature per raccogliere il plasma dai pazienti guariti a Wuhan dal 20 gennaio.

​I primi pazienti a ricevere il trattamento sono stati tre pazienti in condizioni critiche in un ospedale nel distretto di Jiangxia di Wuhan l'8 febbraio.

Gli anticorpi

Per spiegare in maniera approssimata ma semplice, gli anticorpi, o immunoglobuline, non sono altro che quelle proteine presenti nel sangue che reagiscono ai virus e ci difendono. Quando l’organismo è attaccato da un virus sconosciuto, queste lo affrontano e cercano di modificarsi fino a che non trovano la chiave per contrastarlo.

Se riescono a vincere, l’intero organismo si ritrova con un esercito di anticorpi dotati della chiave di lettura per affrontare quel tipo di virus anche dopo averlo eliminato. Il motivo per cui non si può prendere due volte lo stesso identico virus è appunto che la seconda volta il virus non può colpire alla sprovvista il nostro organismo dal momento che lo trova con tutti gli anticorpi giusti già pronti al varco.
Tema:
Coronavirus - 2020 (fine gennaio - 20 marzo) (374)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook