11:11 06 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
Coronavirus - 2020 (fine gennaio - 20 marzo) (374)
3254
Seguici su

L’autore italo-americano Mario Cavolo ha scritto un post recentemente su Linkedin sul coronavirus che è diventato virale su internet.

L’italo-americano Mario Cavolo, scrittore e autore che vive a Shenyang, provincia di Liaoning, il 5 febbraio ha scritto un commento sul sito di social network sulle reazioni globali alla Cina durante l’epidemia della polmonite da coronavirus in corso.

L'articolo, intitolato Something's Not Right Here Folks, approfondisce la reazione eccessiva di alcuni governi occidentali, la discriminazione nei confronti dei cinesi e la copertura mediatica occidentale che scredita gli sforzi del governo cinese nel controllo dell'epidemia. 

Cavolo confronta anche la risposta della Cina alla nuova epidemia di coronavirus con la pandemia di H1N1 del 2009 negli Stati Uniti e mette in evidenza le reazioni contrastanti alle due crisi sanitarie, ha dichiarato nella sua intervista con il China Daily.

"Durante l'epidemia di H1N1 del 2009, non ricordo gli attacchi xenofobi anti-americani in tutto il mondo, vero? Ricordate che ci sono voluti sei mesi per gli Stati Uniti per dichiarare un'emergenza nazionale? C’è stato qualche governo che, dall'inizio nell'aprile 2009 (inizio dell’epidemia) fino alla fine di aprile 2010, incluso il mese di giugno, quando l’H1N1 è stata dichiarata pandemia globale di emergenza internazionale, ha inviato un avviso ai suoi cittadini di lasciare gli Stati Uniti? Chiudere i loro confini ai viaggiatori americani? No, nessuno".

Secondo Cavolo i media occidentali hanno coperto le notizie riguardanti il coronavirus in maniera parziale e volutamente negativa.

Inoltre Cavolo ha osservato che nonostante la gestione della Cina dell'epidemia di SARS nel 2003 non fu l'ideale le autorità hanno imparato dall'esperienza passata e hanno risposto meglio all'attuale crisi.

Nato a Yonkers, New York, Cavolo si è trasferito in Cina nel 1999 e ha lavorato come consulente per varie aziende prima d'iniziare la propria attività di pubbliche relazioni. Ha scritto due libri sul boom economico cinese e ha vissuto in diverse città del paese, tra cui Chengdu nella provincia di Sichuan, Hangzhou nella provincia di Zhejiang e Shanghai. Attualmente risiede a Shenyang, città natale di sua moglie.

Tema:
Coronavirus - 2020 (fine gennaio - 20 marzo) (374)

Correlati:

In Occidente regna il panico per il coronavirus. A Mosca mancano i turisti cinesi
Coronavirus, OMS: un terzo della popolazione mondiale può essere infettata
Effetto coronavirus sull’economia mondiale: effetto da -0,3% sul Pil globale
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook