20:10 03 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
0 50
Seguici su

La polizia dello stato baltico ha scelto questo metodo per distruggere oltre due tonnellate di sostanze stupefacenti sequestrate.

Lunedì il 10 febbraio la Polizia di Stato della Lettonia, in condizioni di maggiore sicurezza, ha distrutto oltre 2 tonnellate di cocaina, sequestrata nel 2019 durante un'operazione internazionale nel comune di Koknese. Lo ha riferito ai giornalisti Andrei Grishin, il capo della Direzione generale della polizia criminale.

Come affermato da Grishin, la cocaina è stata consegnata nel luogo in cui sarebbe stata distrutta sotto sorveglianza, con la partecipazione di militari dell’unità specializzata nell'antiterrorismo Omega. Le persone in abiti protettivi speciali hanno gettato i sacchi con le sostanze stupefacenti nel forno.

La polizia lettone ha pubblicato sul proprio profilo Twitter il video dell’operazione.

"La polizia ha distrutto 2 tonnellate di cocaina sequestrata. È stata bruciata. L'operazione è stata effettuata in quattro tappe", ha detto Grishin.

Il capo della polizia criminale lettone non ha svelato il luogo in cui i militari hanno distrutto la cocaina, ma ha osservato che l’operazione è stata eseguita in conformità con i requisiti ambientali.

Insieme alla cocaina i militari hanno bruciato anche altre sostanze stupefacenti sequestrate.

Nel gennaio 2019 la Polizia di Stato lettone in collaborazione con le forze dell'ordine statunitensi e l'unità antiterroristica Omega ha sequestrato un carico di 42 scatole di cartone giunte nel comune di Koknese dall'Ecuador. Nelle scatole erano 2.195.000 bricchette di cocaina (ciascuno da un chilo) con dei logo di diversi prodotti alimentari. Ogni bricchetta conteneva un chilo di sostanze stupefacenti.

La polizia ecuadoriana ha affermato che il carico individuato in Lettonia è arrivato in Europa con un container. Nella documentazione a supporto era indicato che il carico contiene prodotti alimentari.

Tags:
operazione antidroga, Droga, Ecuador, Lettonia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook