18:05 12 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
115
Seguici su

Il programma è in grado di verificare se nei posti frequentati nel corso degli ultimi 14 giorni sono stati registrati casi di contagio.

Il comitato nazionale per la Salute cinese in collaborazione con la Corporazione tecnico-scientifica dell'elettronica ha elaborato un'applicazione che è in grado di fornire informazioni preziose ai cittadini su possibili contagi da coronavirus avvenuti nel luoghi da loro frequentati.

In caso di timore di aver contratto il virus, infatti, la nuova app consente a chiunque la scarichi di verificare istantaneamente se in precedenza siano stati confermati casi di infezione nel proprio condominio, in una specifica linea della metropolitana, in una tratta ferroviaria, aerea o di autobus dove si è viaggiato nel corso delle ultime due settimane.

Al progetto ha partecipato attivamente anche il Ministero dei Trasporti di Pechino, coinvolgendo aziende di primo piano come la società ferroviaria China Railway.

Come accedere al servizio

Per accedere all'applicazione è sufficiente scannerizzare uno speciale codice QR, registrarsi con il proprio telefono e inserire i propri dati personali. 

Ad oggi l'applicazione risulta di fatto utilizzabile solo da persone in possesso di passaporto cinese, in quanto il sistema è in grado di riconoscere unicamente documenti rilasciati in Cina.

In caso di possibile contatto con soggetti già ammalati, ogni utente è invitato a restare in casa e a contattare al più presto possibile un centro medico per ricevere un'adeguata assistenza.

Il coronavirus

Il ceppo di coronavirus in questione, il 2019-nCov, è stato inizialmente identificato a Wuhan a dicembre. Da allora il morbo si è diffuso in oltre 20 Paesi, facendo scattare i protocolli di emergenza internazionale dell'OMS.

Come misura precauzionale, diversi paesi hanno imposto restrizioni al traffico con la Cina e introdotto misure di sicurezza negli aeroporti per proteggere i passeggeri in arrivo dalla malattia.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook