19:28 26 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
527
Seguici su

Nei giorni scorsi la Thunberg è scesa in piazza con la comunità lappone di Svezia per manifestare contro i cambiamenti climatici.

L'attivista svedese, Greta Thunberg, nei giorni scorsi ha preso parte ad una manifestazione contro i cambiamenti climatici insieme ad alcuni giovani rappresentanti della comunità indigena scandinava Sami (o lapponi, ndr) a Jokkmokk, nel nord della Svezia.

La 17enne Greta, che nel corso dell'ultimo anno si è fatta un nome grazie alle sue incitazioni nei confronti dei giovani a lottare la protezione dell'ambiente, ha invitato il mondo intero a prestare maggiore attenzione alle istanze delle popolazioni indigene come i Sami.

La Thunberg ha spiegato che gli indigeni non solo le prime vittime dei cambiamenti climatici, ma li ha definiti "la prima linea" nella lotta per la difesa dell'ambiente.

Secondo la 17enne attivista, infatti, gli indigeni sarebbero in possesso di una conoscenza unica, la cui importanza sarebbe cruciale per il futuro del nostro pianeta.

"Le soluzioni alla questione climatica devono considerare la conoscenza e la saggezza delle popolazioni indigene. Dobbiamo imparare da coloro che vivono in mezzo alla natura, dare spazio agli indigeni di tutto il mondo perché noi dipendiamo da loro, anche se non ce ne rendiamo conto", ha spiegato la Thunberg.

Gli indigeni Sami

I sami o lapponi, sono una popolazione indigena di 75.000 persone stanziata nel nord della Scandinavia, tra la penisola di Kola fino alla Norvegia, alle regioni più settentrionali della Finlandia e alla Lapponia svedese. Una piccola comunità sami si torva anche in Russia.

I sami hanno una storia, cultura, attività professionali, modo di vivere e identità propri, e il loro idioma appartiene al ceppo delle lingue uraliche.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook