16:32 01 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
0 11
Seguici su

Un uomo d'affari di Ottawa, in Canada, ha sostenuto di fronte al giudice di aver bruciato più di un milione di dollari in contanti pur di non darli alla ex moglie. Il giudice non gli ha creduto ed è finito in prigione. Ma lui insiste a dire che sia andata proprio così.

"Non è una cosa che faccio di solito" ad un certo punto avrebbe detto il Sig. Bruce McConville al giudice della corte superiore di Ottawa Kevin Phillips, secondo le trascrizioni del processo preliminare riportate dal giornale locale Ottawacitizen.

Ed è lì che il giudice Phillips avrebbe perso la pazienza. Risultato – 30 giorni di carcere per pensarci su e decidere a raccontare che fine abbiano fatto sul serio i soldi, più una multa per ogni giorno di ‘riflessione’. Ma McConville sembra convinto. E se veramente li avesse bruciati per dispetto?

Bruce McConville, imprenditore di 55 anni di Ottawa, una candidatura da Sindaco della città non andata a buon fine, due figli e un matrimonio fallito. Talmente fallito che quando avrebbe dovuto iniziare a pagare gli alimenti alla moglie, sarebbe andato, almeno questo a suo dire, a vendere tutto quello che poteva delle sue proprietà per poterne ricavare un malloppo in contanti che avrebbe poi bruciato piuttosto che darlo alla sua ex-aspra metà.

Due falò avrebbe fatto, lui insiste a dire – uno da 743mila dollari canadesi lo scorso 23 settembre, l’altro da 296mila il 15 dicembre. Totale, un milione abbondante di dollari canadesi, al cambio attuale, 700mila euro abbondanti.

Storia quantomai inverosimile, che certo non ha convinto il giudice ma il bello è che l’avvocato di McConville ha mostrato alla corte 25 ricevute di altrettanti prelievi provenienti da 6 conti diversi del cliente, per un totale appunto di 1.050.000 dollari canadesi. Allora, dove sono finiti i soldi?

Trascrizione degli atti

E appunto, stando alle trascrizioni del giornale canadese, il giudice Phillips proprio questo gli avrebbe chiesto.

Giudice Phillips - Allora, dove sono i soldi adesso?

Li ho distrutti - McConville.

Mi prendi in giro. Cosa vuoi dire? - Giudice Phillips.

McConville va in ansia e inizia a parlare dei problemi con la figlia.

Giudice - Posso aiutarti? Quando dici di averli distrutti, cosa intendi?

Li ho bruciati - McConville.

E quanti ne avresti bruciati? - Giudice.

In totale, circa un milione e trentanovantamila dollari - McConville.

In che modo distruggere oltre un milione di dollari promuoverebbe gli interessi dei tuoi figli? - Giudice.

McConville a quel punto ammette di non aver filmato il falò di denaro, di non avere testimoni e di non poterlo dimostrare in alcun modo ma insiste a dire che sarebbe andata proprio così.

Capisci che è difficile da credere? - Giudice Phillips.

Sì, sì - concorda McConville spiegando però di averlo fatto per la frustrazione e lo stress per le procedure di divorzio concludendo poi con la frase scomposta che ha fatto saltare i nervi al giudice – Non è una cosa che faccio di solito.

​Il Giudice Phillips ha alla fine concluso che fosse lampante che l’imputato si stesse prefissando deliberatamente di ostacolare la corte e la corretta amministrazione della giustizia, condannandolo quindi a una pena preliminare di 30 giorni di carcere nella prigione di Innes Road, avvertendolo per altro che questa prima punizione non sarebbe stata altro che “una passeggiata nel parco in confronto a quello che ti aspetta se non dirai la verità nei futuri tribunali”.

Prima che l’imputato venisse scortato fuori dall’aula in manette il giudice avrebbe per altro aggiunto: “Ti stai facendo beffe di questa corte e del tuo processo, qualcosa che non permetterò ... Ti stai comportando con l'intenzione di frustrare deliberatamente e volontariamente la corretta amministrazione della giustizia. Trovo inoltre che ciò che dici sia moralmente riprovevole perché ciò che asserisci di aver fatto volontariamente minerebbe direttamente gli interessi dei tuoi figli".

Ora McConville, oltre alla prima condanna in prigione che sta scontando, ne rischia altre perché lo attendono ulteriori processi nonché vede incombere una super multa da 2mila dollari canadesi da pagare alla ex-moglie (1370 euro) per ogni giorno di ritardo in cui insiste a non fornire resoconto veritiero e completo su dove abbia nascosto i soldi.

Ma McConville insiste a dire che i soldi li ha bruciati. E se li avesse bruciati sul serio?

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook