16:26 01 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
130
Seguici su

Nella Giornata mondiale contro il cancro arrivano i consigli dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per una corretta prevenzione.

Oggi è la Giornata mondiale contro il cancro. La ricorrenza venne istituita dall’Unione per il controllo internazionale del cancro al fine di attirare l'attenzione della comunità mondiale su questo problema globale. Il 4 febbraio 2000, la Carta di Parigi sulle malattie oncologiche, volta a promuovere la ricerca sul cancro, la prevenzione del cancro e il miglioramento della cura dei pazienti, venne adottata al Vertice mondiale del Millennio sul cancro a Parigi e da allora si celebra questa ricorrenza in cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e gli oncologi di tutto il mondo, trovano occasione di fare informazione e promuovere la prevenzione.

Secondo le stime dell'OMS, il cancro è una delle principali cause di morte nel mondo. Nel 2018, 9,6 milioni di persone sono morte per questa malattia. Secondo Eurostat, un decesso ogni quattro nella UE sarebbe causato da cancro.

La buona notizia però è che, tengono a sottolineare gli oncologi, se presi nella fase iniziale, quasi tutti i tumori sono curabili e nel 99% dei casi possono comunque essere trattati chirurgicamente in caso non fossero sufficienti le cure meno invasive.

I tipi più comuni di cancro sono: carcinoma polmonare e carcinoma mammario (2,09 milioni di casi), tumore del colon e del retto (1,80 milioni di casi), carcinoma prostatico (1,28 milioni di casi), carcinoma cutaneo (1,04 milioni di casi).

Nell'oncologia pediatrica, la maggior parte delle diagnosi sono associate a malattie del sangue e del sistema linfatico o a tumori maligni, il più delle volte sarcomi.

Medico chirurgo al lavoro
© Sputnik . Константин Чалабов

Tra le principali cause del cancro, dicono le statistiche, al primo posto vi è la non corretta alimentazione, al secondo il fumo. Gli oncologi consigliano inoltre di evitare l’abbronzatura, di non mangiare cibi contenenti coloranti e consultare regolarmente il medico.

Molto importante è la prevenzione, sottolineano gli specialisti, dato che, se preso nella sua fase iniziale, quasi qualsiasi tumore può essere combattuto con percentuale altissima di successo.

Dall'età di 50 anni, ogni persona dovrebbe essere visitata da un oncologo almeno una volta all'anno. Una donna dovrebbe farsi visitare da un ginecologo, un proctologo e un mammologo, un uomo dovrebbe farsi radiografare i polmoni e sottoporsi ad esami per stomaco, colon e ghiandola prostatica.

L'OMS ha elencato una serie di misure necessarie per ridurre l'incidenza del cancro: ridurre il fumo, vaccinarsi contro l'epatite B per prevenire il cancro al fegato, vaccinarsi contro il virus del papilloma umano per prevenire il cancro cervicale, nonché consiglia alle strutture sanitarie di sviluppare trattamenti ad alta tecnologia e migliorare le capacità delle cure palliative (cioè quelle cure non volte a raggiungere l'obiettivo della guarigione completa ma che si limitano a combattere i sintomi).

Se i protocolli e suggerimenti pubblicati oggi venissero rispettati, afferma l'OMS, potrebbero salvarsi almeno 7 milioni di vite nella prossima decade. 

Attualmente, 43,8 milioni di persone in remissione permanente dopo una diagnosi oncologica vivono nel mondo.

Tags:
cancro
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook