14:34 27 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
5421
Seguici su

Per il presidente turco Recep Tayyip Erdogan gli scontri al confine tra Turchia e Siria sono destinati ad andare avanti.

Il presidente Recep Tayyip Erdogan ha fatto il punto della situazione sulle tensioni tra l'esercito di Ankara, e le truppe della Repubblica araba siriana a Idlib, dove questa mattina hanno perso la vita 4 soldati turchi e almeno altri 9 sono rimasti feriti in seguito ad un bombardamento delle forze di Damasco.

Stando a quanto riferito, l'aviazione e le forze di terra di Ankara stanno continuando a martellare le posizioni siriane in tutta la provincia e avrebbero già eliminato 30-35 soldati nemici:

"Dopo l'attacco subito dai nostri militari abbiamo contrattaccato più volte e stiamo continuando a bersagliare le posizioni nemiche. Al momento 46 obiettivi sono stati colpiti da 122 colpi di artiglieria e 100 di mortaio; sono entrati in azione i caccia F-16, le operazioni continuano. Chi mette alla prova la solidità della nostra risolutezza, capirà il proprio errore. Siamo intenzionati a continuare le nostre operazioni", ha dichiarato Erdogan di fronte ai giornalisti.

Ieri l'agenzia Anadolu aveva riportato l'invio di un massiccio contingente di uomini e mezzi da parte della Turchia verso il confine con la Siria.

La situazione nella provincia di Idlib

In adempienza agli accordi raggiunti nel maggio 2017 da Turchia, Russia e Iran in Siria sono state create quattro diverse zone di de-escalation, tre delle quali sono passate nel 2018 sotto il diretto controllo di Damasco.

L'ultima di esse, invece, situata proprio in corrispondenza della provincia di Idlib, rimane al di fuori del controllo del governo di Bashar al-Assad ed è covo di diversi gruppi terroristi.

L'esercito siriano ha iniziato una nuova serie di operazioni militari ad Idlib, l'ultima roccaforte dei militanti terroristi in Siria, alla fine dello scorso anno. Damasco ha dichiarato che liberare l'area è essenziale per porre fine alla guerra civile.

Il 28 gennaio le truppe siriane hanno ripreso il controllo su Maarat al-Numan, centro strategico nella provincia di Idlib, secondo quanto riferito da una fonte militare siriana.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook