17:20 07 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
1300
Seguici su

Nel 2007 l'azienda produttrice dei Tu-160 ha avviato dei lavori di ammodernamento dei velivoli per estenderne il ciclo di vita e le potenzialità.

Quest'oggi un prototipo aggiornato di caccia-bombardiere Tu-160M ha effettuato il suo primo volo di test, partendo dall'aerodromo S. P. Gorbunov di Kazan.

A renderlo noto ai media russi è la compagnia produttrice del velivolo, la Tupolev:

"Il 2 febbraio 2020 presso l'aerodromo S. P. Gorbunov di Kazan della Tupolev S.P.A. si è tenuto il primo volo sperimentale del prototipo aggiornato di caccia-bombardiere Tu-160M, assemblato a partire da un Tu-160", si legge nel comunicato stampa.

Viene precisato che ha dirigere le operazioni di volo dell'equipaggio è stato il pilota collaudatore Anri Naskidyants.

"Durante il volo sono state effettuate le verifiche necessarie sull'aggiornamento dei sistemi e delle strumentazioni, installati nell'ambito della modernizzazione del velivolo. Secondo i dati forniti dall'equipaggio, tutti i sistemi e l'apparecchiatura hanno funzionato senza problemi", conclude la nota.

Il Tu-160M

Il Tupolev Tu-160 è un bombardiere strategico supersonico, quadrimotore ad ala a geometria variabile. Sviluppato nell'Unione Sovietica, è concepito per portare un attacco nucleare ed è il velivolo da combattimento più pesante mai costruito.

Nel 2007 la Tupolev ha iniziato lavori di aggiornamento e modernizzazione agli aerei Tupolev Tu-160 in servizio. In particolare, gli stessi potranno essere equipaggiati con i missili di crociera convenzionali/nucleari Kh-101 e Kh-555 e relativi sistemi di controllo tiro, nuova avionica completamente digitale, resistente alle emissioni elettromagnetiche e nucleari, supporto completo del volo mediante il sistema di posizionamento GLONASS, versione aggiornata e migliorata nell'affidabilità dei motori, capacità di utilizzo missili antisatellite, capacità di trasporto bombe a guida laser, rivestimento migliorato, in grado di assorbire le emissioni radar.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook