14:19 02 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
6120
Seguici su

Il leader turco ha espresso preoccupazione circa la situazione in Siria, spiegando che Ankara non sarà in grado di assorbire una nuova ondata di profughi.

Il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan ha avvertito che Ankara potrebbe dare il via ad una nuova operazione militare nella provincia siriana di Idlib in caso di mancata normalizzazione della situazione.

Il leader turco ha spiegato che la Turchia non sarà in grado di gestire un nuovo flusso di rifugiati siriani, qualora questo dovesse venirsi a creare a causa delle operazioni attualmente portate avanti dall'esercito di Damasco a Idlib:

"Se la situazione a Idlib non tornerà alla normalità procederemo ad entrare in azione. Vogliamo la stabilità della Siria. I processi politici devono essere implementati in modo rapido e giusto. Non ci tireremo indietro dal fare qualunque cosa sia necessaria per raggiungere tale obiettivo, compreso utilizzare la forza militare", sono state le parole di Erdogan, il quale ha affermato che la situazione in Siria è altrettanto importante per Ankara della situazione all'interno dei suoi stessi confini.

Due giorni fa Erdogan ha accusato la Russia di violare i trattati precedentemente siglati riguardanti il cessate il fuoco nella regione.

La risposta di Mosca

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha risposto alle insinuazioni di Erdogan, ribadendo l'impegno di Mosca nel rispettare gli accordi di Sochi e la preoccupazione circa la presenza dei terroristi a Idlib:

"La Russia sta adempiendo totalmente a tutti i propri obblighi derivanti dai trattati di Sochi su Idlib. Allo stesso tempo siamo dispiaciuti che la situazione lasci ancora molto a desiderare. Sfortunatamente in quest'area è ancora concentrato un gran numero di terroristi che sono continuamente protagonisti di azioni di aggressione nei confronti delle forze armate della Repubblica araba siriana e contro le forze russe stanziate nella base russa di Khmeimim. Ciò è fonte di grande preoccupazione", ha spiegato Peskov.

La situazione nella provincia di Idlib

L'esercito siriano ha iniziato una nuova serie di operazioni militari ad Idlib, l'ultima roccaforte dei militanti terroristi in Siria, alla fine dell'anno scorso. Damasco ha dichiarato che liberare l'area è essenziale per porre fine alla guerra civile.

Il 28 gennaio le truppe siriane hanno ripreso il controllo su Maarat al-Numan, centro strategico nella provincia di Idlib, secondo quanto riferito da una fonte militare siriana.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook