20:31 03 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
0 04
Seguici su

A partire dal 24 gennaio, dei malintenzionati hanno iniziato a utilizzare il servizio olandese Protonmail.com, inviando messaggi anonimi agli indirizzi email dei tribunali in quattro regioni russe.

I terroristi degli allarme bomba continuano a inviare in massa falsi allarme bomba dal servizio di posta elettronica svizzero Protonmail, ha comunicato l'FSB.

La scorsa settimana, il dipartimento ha annunciato che migliaia di messaggi di falsi allarme bomba provenivano da Startmail, sito olandese, e quindi è stato bloccato l'accesso a esso in Russia. Tuttavia, l'ondata di allarmi bomba non si è fermata del tutto.

A partire dal 24 gennaio, dei malintenzionati hanno iniziato a utilizzare Protonmail.com, inviando messaggi anonimi agli indirizzi email dei tribunali in quattro regioni russe.

"I testi indicavano anche erano state piazzate bombe in altri 830 edifici sociali e dell’infrastruttura di trasporto. Tutte le minacce erano false", ha aggiunto il comunicato.

L'anno scorso, lo stesso servizio, secondo l'FSB, era già stato utilizzato per inviare false minacce terroristiche, anche se su scala ridotta, allora era solo circa 123 strutture.

Per fermare l'attuale ondata di "falsi allarme bomba", Roskomnadzor e la Procura generale bloccheranno il servizio svizzero in Russia dal 29 gennaio.

Roskomnadzor (Servizio federale per la supervisione nella sfera della connessione e comunicazione di massa) ha aggiunto di aver ricevuto ripetutamente rifiuti categorici da Protonmail di fornire informazioni sulle identità dei responsabili, nonché per limitare l'accesso alle risorse "utilizzate per destabilizzare la situazione nel paese e aumentare le tensioni".

Correlati:

Grazie ad informazioni Usa sventati da Fsb attacchi terroristici a San Pietroburgo per Capodanno
Sparatoria presso l'edificio dell'Fsb a Mosca
Morto un agente dell'Fsb durante la sparatoria in centro a Mosca
Tags:
allarma bomba, Falso allarme, Allarme
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook