05:02 04 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
Coronavirus - 2020 (fine gennaio - 20 marzo) (374)
407
Seguici su

Il giornale Jyllands-Posten che nel 2005 fece scandalo con i suoi cartoni animati satirici del profeta Maometto questa volta ha raffigurato ciascuna delle cinque stelle gialle della bandiera cinese come un coronavirus.

La Cina ha chiesto scuse pubbliche da parte del quotidiano danese Jyllands-Posten, dopo aver trovato offensiva la vignetta raffigurante le stelle della bandiera cinese come virus, né il giornale, né i politici danesi sembrano disposti a concederne una.

L'ambasciata cinese ha trovato che la vignetta sia "un insulto alla Cina", aggiungendo che "fa male al sentimento popolare cinese".

“L'attuale epidemia del nuovo coronavirus è costato vite preziose in Cina. Allo stesso tempo, mentre il governo cinese e il popolo cinese stanno facendo ogni sforzo per combattere questa grave e urgente minaccia per la salute, Jyllands-Posten ha pubblicato un "disegno satirico" di Niels Bo Bojesen che è un insulto alla Cina e fa male ai sentimenti del popolo cinese”, ha riferito l'ambasciata cinese.

“Privo di qualsiasi forma di simpatia o empatia, il cartone animato ha trasceso i confini inferiori della società civile e il confine etico della libertà di espressione e insulta la coscienza umana. Esprimiamo la nostra forte indignazione e chiediamo che Jyllands-Posten e Niels Bo Bojesen si pentano del loro errore e si scusino pubblicamente con il popolo cinese", ha concluso la dichiarazione.

Anche la Camera di commercio cinese in Danimarca ha criticato la vignetta. Pur rispettando la libertà di parola e, in particolare, la libertà personale di esprimere il proprio atteggiamento, il segretario generale della Camera di commercio John Liu ha affermato che il vignettista "manca di buone maniere e qualità personali come compassione ed empatia".

La risposta del giornale

Il caporedattore del giornale ha assicurato che il cartone non era inteso come un insulto.

"Il disegno non aveva lo scopo di deridere o ridicolizzare la Cina", ha dichiarato il caporedattore Jyllands-Posten Jacob Nybroe all'emittente TV2. "Disegnare la bandiera e illustrare il coronavirus mostra rapidamente solo che stanno combattendo un virus. Ecco," aggiunto.

“Se mi scusassi per questo con la Cina, allora la Cina sarebbe il regime che decide cosa posso pubblicare o meno. Non credo che abbiamo fatto nulla di male”, ha detto Nybroe all'emittente nazionale svedese SVT.

"Non avevamo intenzione di essere offensivi, ma sebbene possiamo essere empatici con le reazioni al disegno, questo non costituisce una base per fare una revisione del giornale", ha sottolineato Nybroe in un pezzo esplicativo.

Nel suo commento, il primo ministro Mette Frederiksen ha evitato una risposta diretta, riferendosi invece a una "tradizione molto, molto forte in Danimarca, non solo di libertà di parola, ma anche di disegni satirici", aggiungendo che si tratta di una posizione ben nota e assicurando che la Danimarca non la cambierà. Anche il ministro degli Esteri danese e il collega socialdemocratico Jeppe Kofod hanno citato la libertà di parola danese.

In totale, oltre 5.900 persone sono state infettate dal coronavirus, che finora ha ucciso oltre 100 persone. Le infezioni da coronavirus sono state confermate anche in altri paesi, tra cui Giappone, Corea del Sud, Taiwan, Tailandia, Nepal, Vietnam, Canada, Arabia Saudita, Singapore, Stati Uniti, Francia, Australia e Germania.

Tema:
Coronavirus - 2020 (fine gennaio - 20 marzo) (374)

Correlati:

L’epidemia di coronavirus potrebbe rovinare anche i piani della Apple per gli iPhone
Coronavirus: 106 vittime, contagi confermati 4.515
Coronavirus: borse crollano, oro cresce, il Bitcoin sfiora i $9000
Tags:
Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook