04:03 05 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
1030
Seguici su

Nel dicembre dello scorso anno, i media avevano riferito che dei terroristi avevano effettuato tre attacchi simultanei a una raffineria di petrolio a Homs, un impianto di gas e una stazione di servizio Al-Rayan nella parte centrale del paese, causando danni alle unità di produzione.

I terroristi nel dicembre dello scorso anno hanno sabotato i serbatoi di stoccaggio di petrolio a Baniyas, in Siria, innescando degli esplosivi preinstallati, ha riferito la SANA, citando il Ministero del Petrolio del paese.

La notizia dell'attacco arriva dopo che i media hanno riferito, citando il Ministero del Petrolio, che i terroristi hanno preso di mira le strutture energetiche nella Siria centrale il 21 dicembre.

Prima di questo, una base militare americana presso il giacimento petrolifero di al-Omar nella provincia siriana sud-orientale di Deir Ez-Zor sarebbe stata attaccata da aggressori sconosciuti, con i soldati americani che hanno risposto con fuoco d’artiglieria e granate stordenti.

Il ministero del petrolio siriano ha dichiarato a dicembre che due giacimenti di gas che producono un totale di un milione di metri cubi di gas al giorno sono stati rimessi in funzione a est della città di Homs e questo dovrebbe migliorare la situazione con la fornitura di elettricità del paese.

La Siria consuma circa 100.000 barili di petrolio al giorno e produce solo 24.000 barili. Molte delle strutture petrolifere del paese sono state distrutte o non controllate dal governo, mentre le sanzioni occidentali ostacolano la consegna di petrolio e prodotti petroliferi nel paese.

Correlati:

La Siria ha praticamente ripreso il controllo dei confini con Turchia e Iraq - Lavrov
Mosca conferma "intercettamento" di una colonna russa in Siria da parte degli americani
Siria, attacco jihadista a Idlib: almeno 40 morti e 80 feriti
Tags:
Petrolio, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook