08:43 14 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
331
Seguici su

L'omicidio di Kennedy resta uno dei più grandi misteri rimasti irrisolti nel corso della storia americana.

Uno sconosciuto ha messo all'asta delle lettere riguardanti il misterioso caso dell'omicidio di John Fitzgerald Kennedy.

All'asta, che dovrebbe tenersi il 27 gennaio presso Sotheby's, verranno battuti diversi documenti, tra cui una missiva di Lyndon B. Johnson all'ex governatore della Calfiornia Edmund Brown e altre lettere dello stesso Kennedy e di sua moglie, Jacqueline.

In una di esse ci sarebbe scritto: "Hanno sparato al presidente Kennedy dopo che la sua macchina aveva lasciato il centro di Dallas. La signora Kennedy è saltata e ha afferrato suo marito, John Kennedy. Piangeva dicendo: 'Oh, no!"

A quanto si apprende, il valore di partenza del lotto dovrebbe essere pari a 14mila dollari, sebbene Sotheby's creda di poter ricavarne almeno il doppio dalla vendita.

La notizia ha suscitato la reazione del figlio dell'ex governatore della Calfiornia, Edmund Brown Jr, il quale sta cercando di capire chi sia lo sconosciuto venditore e, in un'intervista a Politico, ha messo in discussione l'autenticità dei documenti.

L'omicidio di JFK

Il presidente John Fitzgerald Kennedy fu ucciso il 22 novembre 1963 mentre si trovava in visita a Dallas insieme alla moglie, Jacqueline. 

Kennedy fu colpito da un colpo di arma da fuoco mentre si trovava a bordo di un'auto decappottabile con la quale stava lasciando il centro città, tra due ali di folla.

Poco dopo l'incidente, la polizia ha arrestato un ex marine, Lee Harvey Oswald, accusandolo di aver compiuto il misfatto.

Oswald si dichiarò innocente, tuttavia il processo non ebbe mai luogo in quanto l'imputato venne ucciso da Jack Ruby durante il suo trasferimento in carcere.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook