22:35 25 Febbraio 2020
Mondo
URL abbreviato
0 90
Seguici su

Salvo imprevisti, il satellite militare dovrebbe essere inviato in orbita, dopo che i tecnici erano stati costretti a rimandare le operazioni di lancio a causa di alcune complicazioni tecniche.

Il satellite militare Meridian-M sarà portato in orbita con un razzo Soyuz-2 dal cosmodromo di Plesetsk il 9 febbraio, dopo che il suo lancio era stato rimandato venerdì scorso.

A rivelarlo è una fonte interna allo stesso cosmodromo, come riportato dai media russi. Stando alle indiscrezioni, le operazioni di lancio sono state rimandate per alcune problematiche legate al terzo stadio del Soyuz-2, che ad ogni modo dovrebbero essere prontamente risolte.

"Le difficoltà sono sorte con il cablaggio del terzo stadio del razzo-vettore. A causa dell'impossibilità di liquidare il problema sul sito di lancio, il razzo è stato inviato al complesso di assemblaggio e di testing.

Tra il 2006 e il 2014 la Russia ha già portato in orbita 7 satelliti Meridian, mentre il primo Meridian-M è stato lanciato nel 2019.

Nel corso della scorsa annata, inoltre, la Roscosmos ha reso nota la propria intenzione di avviare la produzione in serie di altri 3 Meridian-M.

Il Meridian-M

I satelliti militari Meridian-M sono stati progettati per garantire il corretto funzionamento dei sistemi di comunicazione tra le stazioni situate tra il Mare del Nord, il Mar Glaciale Artico e il Mare di Bering, e le unità della flotta navale e delle unità di ricognizione aerea delle forze armate russe.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook