07:55 10 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
180
Seguici su

Quasi 900 rifugiati sono tornati in Siria nelle ultime 24 ore. Lo afferma una dichiarazione diffusa sabato il 25 gennaio dal Centro per la riconciliazione delle parti in guerra e il controllo sul movimento dei rifugiati del ministero della Difesa russo.

“Nelle ultime 24 ore 874 rifugiati sono tornati nella Repubblica Araba Siriana da altri stati. In particolare, dal Libano sono rientrate 132 persone attraverso i punti di accesso di Jaydet-Yabus e Talkalakh e 742 persone sono rientrate dalla Giordania attraverso il punto di accesso Nassib”, riferisce il comunicato del Centro.

In Siria, a partire dal 18 luglio 2018, dal Libano sono tornate 170.006 persone e 365.381 persone sono rientrate dalla Giordania.

Secondo i dati dell'Ufficio dell'Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), per il 5 gennaio 2020, 6.569.742 rifugiati siriani soggiornano ufficialmente in 45 stati. Tra loro le donne sono 1.970.923, i bambini sono 3.350.568. La maggior parte dei rifugiati si trova in Turchia (3.576.369 persone), Libano (916.113), Giordania (654.692), Germania (534.011), Iraq (245.810), Egitto (129.159), Paesi Bassi (74.998). 1.712.264 siriani da dieci paesi del mondo hanno espresso la volontà di tornare in patria (Libano – 889.031, Turchia – 297.342, Germania – 174.897, Giordania – 149.268).

Un totale di 764.667 rifugiati è rientrato nella Siria dal 30 settembre 2015.

Al momento 13 punti di accesso sono dispiegati in Siria e sono operativi 24 ore su 24.

"Il governo della Siria è impegnato attivamente ad aumentare l'efficienza del processo di rimpatrio dei rifugiati siriani dai territori di altri stati", assicura il Centro.

La guerra in Siria

Il conflitto armato in Siria è in corso dal 2011. Alla fine del 2017, è stata annunciata la vittoria sul gruppo terroristico dello Stato Islamico in Siria e Iraq. In alcune zone del paese però continua la lotta contro i militanti. Al momento è in corso il ripristino dell'assetto politico della Siria e il ritorno dei rifugiati, sebbene la situazione nel Paese sia ancora lontana dalla stabilità.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook