08:09 20 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
6212
Seguici su

Il miliardario attivista ungaro-americano ha lanciato pesanti accuse nei confronti del numero uno della Casa Bianca.

George Soros ha attaccato il presidente americano Donald Trump a margine del Forum economico internazionale di Davos, definendolo un "truffatore" e un "narcisista".

"Quando la sua fantasia di diventare presidente è divenuta realtà, il suo narcisismo si è trasformato in un morbo malefico", ha detto Soros ai giornalisti di Fox News.

L'attivista ungaro-americano, fondatore della Open Society Foundations, ha recentemente promesso di investire 1 miliardo di dollari nella Open Society University Network (OSUN), il cui obiettivo dovrebbe essere quello di promuovere i valori liberali in tutto il mondo e che potrebbe essere costruita nei pressi del Bard College e la Soros Central European University, nel nord di New York.

"Per dimostrare il nostro impegno nel progetto OSUN, siamo pronti ad investirci un miliardo di dollari. Ma non possiamo costruire una rete globale da soli; abbiamo bisogno che le istituzioni ci appoggino e che la gente di tutto il mondo ci dia il proprio sostegno in questa impresa", ha spiegato Soros, definendo l'OSUN "il più grande progetto" della sua vita.

Donald Trump finora ha deciso di non rispondere alle provocazioni lanciate dal magnate.

© AFP 2020 / Brendan Smialowski

Chi è George Soros?

George Soros è un miliardario, attivista e gestore di fondi speculativi ungaro-americano; alcuni dei suoi fondi e delle sue iniziative hanno fatto scoppiare delle controversie in tutto il mondo, portando alla proibizione delle aziende legate allo stesso Soros in alcuni Paesi, tra cui la Russia.

Il miliardario è stato inoltre accusato di finanziare l'immigrazione dall'America Centrale in direzione degli Stati Uniti ed ha ricevuto diverse critiche da parte del primo ministro ungherese, Viktor Orban, il quale sostiene che Soros sia dietro l'incremento dei flussi migratori verso l'Europa.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook