23:10 25 Febbraio 2020
Mondo
URL abbreviato
Il 75° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale (40)
4207
Seguici su

Vladimir Putin ha raccontato di essere rimasto colpito durante la lettura di documenti d'archivio sulla Grande Guerra Patriottica (Seconda Guerra Mondiale) e Benjamin Natanyahu ha affermato che dopo la Guerra "le cicatrici non sono ancora guarite del tutto".

"Non lo sapevo, l’ho scoperto pochi giorni fa e questo fatto mi ha sconvolto: negli anni dell’assedio gli abitanti di Leningrado, rimanendo in una tale posizione, hanno donato per i bisogni dell’Esercito 144 tonnellate di sangue", ha detto Putin alla cerimonia di inaugurazione del Monumento agli eroi della Leningrado assediato a Gerusalemme, dove si è recato come ospite principale al Forum intitolato ‘Ricordare l'Olocausto: combattere l'antisemitismo’.

Il capo di Stato russo ha osservato che le persone che sentivano freddo e mancanza di acqua continuavano a lavorare per dedicarsi alla scienza e all'arte.

“L'inconquistabile Leningrado diventò una vera leggenda per immensità di forza d’animo e fiducia nella vittoria dei suoi abitanti, l'apice della dignità umana”, ha affermato Putin.

Netanyahu: Ricordiamo il sacrificio dell'Armata Rossa

Il primo ministro Benjamin Netanyahu, parlando alla cerimonia di inaugurazione del monumento, ha dichiarato che Israele ricorderà sempre che furono i soldati sovietici a liberare Auschwitz.

“Ricorderemo sempre che furono i soldati dell'Armata Rossa ad aprire le porte di Auschwitz”, ha detto il premier israeliano.

Inoltre, Netanyahu ha affermato che il monumento che si inaugura oggi sarà un eterno promemoria dell'eroismo degli abitanti della Leningrado assediata.

"L'impresa degli abitanti di Leningrado è un esempio di eroismo. Questa stele parla a tutti, parla un linguaggio universale: il linguaggio dell'amore per la madrepatria, il linguaggio del sacrificio, la lotta ostinata e la vittoria. La vittoria non riduce il livello della tragedia, quasi 1 milione di persone sono morte nella sola Leningrado. I sacrifici dell'ex Unione Sovietica, dell'Armata Rossa per questa vittoria sono state enorme... Le cicatrici non sono guarite ancora", ha detto Netanyahu.

Valdimir Putin e  Benjamin Netanyahu hanno tagliato il nastro, il che significa simbolicamente l'inaugurazione del monumento.

In giornata Vladimir Putin ha avuto incontri con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, il Patriarca di Gerusalemme e di tutta la Palestina, Teofilo III e la madre di una donna israeliana, condannata in Russia, Naama Issachar.

Tema:
Il 75° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale (40)
Tags:
Seconda Guerra Mondiale, Russia, Israele
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook