19:42 15 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
Avvelenamento Skripal (124)
1111
Seguici su

Il premier britannico Boris Johnson ha detto al presidente russo Vladimir Putin che la posizione di Londra sull'incidente di Salisbury non è cambiata, ha comunicato l'ufficio del capo del governo britannico oggi.

"Il premier ha incontrato il presidente Putin a margine della Conferenza di Berlino sulla Libia. E' stato chiaro sul fatto che non c'è stato alcun cambiamento nella posizione del Regno Unito su Salisbury, fatto catalogato come un uso sconsiderato di armi chimiche e un sfacciato tentativo di uccidere persone innocenti nel suolo britannico. Ha detto che un simile attacco non deve ripetersi", si legge nel comunicato di Downing Street.

Johnson ha osservato inoltre che sia il Regno Unito che la Russia "hanno la responsabilità di affrontare le questioni di sicurezza internazionale, tra cui Libia, Siria, Iraq e Iran".

Fatti di Salisbury

Il 4 marzo 2018 Sergey Skripal e sua figlia Julia sono stati trovati incoscienti su una panchina vicino ad un centro commerciale nella cittadina di Salisbury. Londra ha sostenuto che i due siano stati avvelenati con un agente nervino militare chiamato A234 ed ha accusato Mosca di aver perpetrato l'attacco, provocando un enorme scandalo internazionale. Londra ha inoltre affermato di sospettare che i cittadini russi Alexander Petrov e Ruslan Boshirov, che secondo la parte britannica erano agenti dei servizi segreti russi, siano gli esecutori materiali dell'attacco contro gli Skripal.

Mosca ha respinto categoricamente le accuse, indicando l'assenza di prove e il rifiuto da parte di Londra alle sue richieste di collaborazione nelle indagini e di accesso ai cittadini russi avvelenati.

Tema:
Avvelenamento Skripal (124)
Tags:
Vladimir Putin, Boris Johnson, Russia, Regno Unito, Salisbury
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook