19:43 24 Febbraio 2020
Mondo
URL abbreviato
0 50
Seguici su

La sonnologa Alena Gavrilova ha spiegato cosa non bisognerebbe fare prima di andare a dormire, dando i consigli pertinenti in un'intervista con il giornale Vechernyaya Moskva.

Secondo la dottoressa di medicina del sonno, una delle cattive abitudini è l'uso di dispositivi elettronici prima di andare a dormire e addormentarsi con la tv accesa.

"Il fatto della luce che lampeggia, in particolare il blu, influenza la produzione della melatonina, l'ormone del sonno, impedendo di addormentarsi", ha spiegato la Gavrilova.

Ha aggiunto che prima di andare a letto, non si dovrebbero guardare film e programmi d'azione, poiché sarà problematico addormentarsi per il rilascio di ormoni dello stress.

L'esperta ha ricordato che l'assunzione di cibo prima di coricarsi dovrebbe avvenire con moderazione. Ha notato che non bisogna mangiare troppo, allo stesso tempo anche andare a letto avendo fame non va bene. "Uno spuntino leggero e ipocalorico sarebbe l'ideale", ha detto.

La Gavrilova ha indicato che non è consigliabile bere caffè o tè forte, dal momento che contengono principi stimolanti.

Allo stesso tempo la sonnologa ha sottolineato che un intenso sforzo fisico influisce negativamente sulla qualità del sonno.

"Certo, non il discorso non riguarda una breve passeggiata che al contrario fa solo bene, ma ad esempio andare in palestra la sera, quattro o cinque ore prima di andare a dormire", ha concluso la dottoressa.

In precedenza, il sonnologo Alexander Palman aveva parlato di quante ore di sonno una persona ha bisogno. Secondo lui, in media una persona ha bisogno di dormire dalle sette alle otto ore, ma per le persone che dormono poco e dormono a lungo il riposo di 7 ore può risultare eccessivo o insufficiente.

La mancanza periodica di sonno può essere compensata da un lungo sonno durante il fine settimana, ma questo stile di vita non dovrebbe diventare qualcosa di routine, aveva aggiunto il medico.

Tags:
Scienza e Tecnica, Medicina, Società
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook