19:38 30 Marzo 2020
Mondo
URL abbreviato
La conferenza sulla Libia a Berlino (29)
0 12
Seguici su

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte parla delle aspettative della Conferenza di Berlino e si dice "moderatamente ottimista" sulla riuscita dell'importante e storico incontro.

Giuseppe Conte è stato “braccato” dai giornalisti prima di recarsi alla Conferenza di Berlino e alla domanda su cosa si aspetta come esito, non ha nascosto la sua prudenza:

“Siamo moderatamente ottimisti, confidiamo che questa possa essere una tappa importante per avviare una soluzione pacifica alla crisi libica e per avviare quel processo politico per il quale l'Italia sta lavorando e ha lavorato con chiarezza e determinazione”.

Il monitoraggio del post conferenza di Berlino

E alla domanda sul monitoraggio di quanto verrà stabilito alla Conferenza di Berlino, il presidente del Consiglio Conte risponde:

“Anzitutto completiamo la Conferenza e auguriamoci che il risultato sia quello per cui abbiamo lavorato e poi sicuramente si porrà un problema di una forza che potrà assicurare le operazioni di pace e il monitoraggio. Ne abbiamo parlato anche con il segretario Generale Guterres. L'importante è lavorare per questa soluzione, lavorare per questo scenario”.

E per quanto riguarda il contributo dell’Italia alla buona riuscita della riunione dice:

“Sappiate che l'Italia è disponibile a dare il suo contributo, perché è assolutamente importante compiere e dare un contributo a tutte quelle operazioni che porteranno alla stabilizzazione della Libia”.

Sul cessate il fuoco

Ed a proposito del cessate il fuoco che in realtà non c'è, dice:

“Noi speriamo che da questa giornata possa nascere, con la condivisione di tutti gli attori, la convinzione che una opzione militare non potrà mai portare, anche per le caratteristiche dello scenario libico, così frammentato, milizie e tribù, non potrà mai portare a una soluzione definitiva. Ed è per questo che noi oggi confidiamo che possa derivare un nuovo impulso per il rilancio degli organi politici e istituzionali, in particolar modo Consiglio presidenziale e Governo, perché possano questi organi rafforzati e efficacemente funzionanti, governare questa transizione e avviare a definitiva stabilizzazione la Libia”.

Conte pare voler far intendere che una guerra in Libia sarebbe solo logorante per quanti la inizierebbero, ma non la porterebbero mai a conclusione e non ci sarebbe un vincitore chiaro e netto.

E sul dietro scena su al-Sarraj che dovrebbe fare un passo indietro

In questi giorni indiscrezioni di stampa hanno ricostruito uno scenario in cui la Libia unita richiederebbe un passo indietro di al-Sarraj. La Risposta di Conte alla domanda è molto diplomatica.

"Noi non chiediamo a nessuno di fare un passo indietro. Chiediamo a tutti gli attori di fare decisi passi in avanti verso questo processo di stabilizzazione e pacificazione, verso un percorso economico di pace e sicurezza".

L'Europa è arrivata tardi

Un giornalista gli chiede qualche riflessione sul ritardo dell’Europa nel caso libico.

“L'Europa non è arrivata tardi. Noi ci siamo sempre stati e siamo un Paese dell'Europa. Siamo i più vicini alla Libia e più direttamente siamo interessati dal dossier libico. Diciamo che nelle ultime fasi, l'Europa sta maturando la grande convinzione che su questi dossier bisogna muoversi con la massima determinazione e una voce sola”.
Sul ruolo degli USA

"Gli Stati Uniti hanno un grande ruolo, stanno seguendo il dossier libico da tempo, sono lì con l'intelligence, con tutte delle attività che non sono assolutamente trascurabili. Adesso avremo un incontro con Pompeo, e al quale ribadirò la profonda convinzione italiana che gli USA devono essere protagonisti di questo processo, insieme a tutta la comunità internazionale".

Tema:
La conferenza sulla Libia a Berlino (29)

Correlati:

Conferenza sulla Libia a Berlino, Di Maio: "Mettere in sicurezza la Libia e il nostro Paese"
L'arrivo dei partecipanti alla conferenza di Berlino sulla Libia inclusi Putin e Conte
Conferenza Berlino, Di Maio: ‘Italia pronta a ricevere la prossima conferenza su processo politico’
Tags:
crisi in Libia, Giuseppe Conte
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook