17:15 05 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
Coronavirus - 2020 (fine gennaio - 20 marzo) (374)
103
Seguici su

La Cina oggi ha comunicato un picco di 17 casi d’infezione di polmonite virale cinese.

La Cina ha riferito di altri 17 casi di polmonite causati da un nuovo ceppo di corona virus domenica, alimentando le preoccupazioni della sua diffusione mentre il paese si prepara per celebrare il nuovo anno lunare cinese con centinaia di milioni di viaggiatori per tutto il paese.

Tre dei pazienti sono in condizioni gravi, secondo una dichiarazione rilasciata dalla Commissione sanitaria municipale di Wuhan.

Il numero totale di pazienti infettati dalla malattia in Cina, tutti nella città cinese di Wuhan, è ora salito a 62. Due sono morti.

A seguito degli avvertimenti dell'Organizzazione mondiale della sanità di un focolaio più ampio, le autorità aeroportuali negli Stati Uniti e la maggior parte delle nazioni asiatiche, tra cui Giappone, Thailandia, Corea del Sud, Singapore e Malesia, stanno controllando i passeggeri provenienti da Wuhan.

Thailandia e Giappone hanno confermato casi di virus, tutti riguardanti persone che hanno viaggiato da Wuhan.

Un rapporto pubblicato dal MRC Center for Global Infectious Disease Analysis del London Imperial College afferma che ci sono probabilmente ci "molti più casi" del nuovo coronavirus di quanto attualmente annunciato dalle autorità di Wuhan: la sua stima dello scenario di base è che ci sarebbero 1.723 casi che mostrano l'insorgenza di sintomi entro il 12 gennaio.

I 17 nuovi pazienti hanno iniziato a manifestare sintomi come febbre o tosse prima del 13 gennaio, afferma la dichiarazione di Wuhan.

I nuovi casi confermati provengono da test effettuati il ​​16 e 17 gennaio, secondo Huang Chaolin, il principale medico dell'ospedale Wuhan Jinyintan.

Il nuovo ceppo di coronavirus

Nel mese di dicembre a Wuhan, in Cina, ha fatto la sua comparsa un nuovo tipo di coronavirus, il quale secondo gli esperti sarebbe assimilabile alla SARS, la sindrome respiratoria acuta grave che si propagò nel Paese asiatico tra il 2002 e il 2003, con 8096 casi accertati.

Sebbene gli esperti affermino che il nuovo virus non sembra essere letale come la SARS, che all’epoca della sua diffusione uccise circa 800 persone, si sa poco sulle sue origini e sulla facilità con cui può diffondersi.

Nei giorni scorsi è poi emersa la notizia delle prime due vittime del letale virus, due uomini di 61 e 69 anni rispettivamente, ai quali la malattia non ha lasciato scampo, con un rapido decorso della durata di circa due settimane.

 

 

Tema:
Coronavirus - 2020 (fine gennaio - 20 marzo) (374)

Correlati:

Cina, 59 infettati della nuova polmonite virale: per gli scienziati è dello stesso ceppo della SARS
Cina: registrati 27 casi in un mese di una polmonite di origine sconosciuta
Polmonite virale cinese, gli esperti temono un gran numero di casi non accertati
Tags:
Epidemia, virus, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook