20:52 04 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
2155
Seguici su

L'uomo ha poi restituito il misterioso oggetto alla marina americana, facendosi però pagare un compenso di 3000 dollari per i danni subiti dalla sua rete da pesca.

Durante una battuta di pesca nel Mar Adriatico, un cittadino croato ha rinvenuto un trasponder di registrazione subacquea appartenente alla NASA.

Lo strano dispositivo, del peso di quasi 100 kg è stato poi identificato come un modello EARS, utilizzato per la sorveglianza audio e sarebbe stato posizionato in quel luogo per registrare dei suoni subacquei e documentare l'attività acustica dell'area.

Non è noto il motivo per il quale esso si trovasse proprio lì, nelle profondità delle acque tra le isole di Mljet e Sveti Andrija, tant'è che, una volta venuta a conoscenza del fatto che il pescatore fosse entrato in possesso del dispositivo, la marina americana si è messa in contatto con quest'ultimo per ottenere la restituzione dello strano marchingegno.

L'uomo, dal canto suo, per la restituzione ha chiesto una compensazione pari a circa 3000 dollari per il danno arrecato dal dispositivo alla sua rete da pesca.

La strana vicenda ha cominciato immediatamente a fare il giro dei social network, con numerose fotografie dello strumento di registrazione che sono state pubblicate su Twitter

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook