17:05 08 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
221
Seguici su

Grazie a delle false credenziali, l'impostore era riuscito a fare una carriera fulminante, prima di essere scoperto mentre occupava una posizione di rilievo nella Guardia Costiera.

Un ufficiale dell'esercito svedese con credenziali fittizie avrebbe servito per anni presso il quartier generale NATO in Belgio.

A riportarlo è il quotidiano belga Dagens Nyheter, sottolineando come l'uomo abbia ottenuto anni fa la promozione al grado di maggiore con un curriculum del tutto falso ma che poi, una volta iniziata la propria carriera nei ranghi dell'Alleanza Atlantica, ha fatto il salto diventando in breve tempo tenente colonnello.

Tra il 1999 e il 2013 l'uomo ha potuto così ricoprire posizioni di rilievo, servendo dapprima in Kosovo e in Afghanistan, dove svolgeva l'incarico di responsabile per la sicurezza informatica, per poi passare, tra il 2007 e il 2010, e poi nel 2013 ai servizi d'intelligence.

Da lì il grande salto verso la NATO, fin quando il grande bluff è stato rivelato, curiosamente, dalla Guardia Costiera, dove l'uomo aveva una carica di prima importanza, con accesso a tutta una serie di materiali strettamente confidenziali.

Recentemente, a carico dell'impostore, che sosteneva di aver studiato presso un'accademia per un ufficiali dove in realtà non aveva mai messo piede, è stato aperto un fascicolo di inchiesta e sarà ora giudicato da un tribunale.

Nelle scorse ore sono arrivate le prime parole ufficiali da parte della Svezia che, per voce dell'investigatore militare Carl-Axel Blomdahl si è espressa sulla questione, esprimendo la propria contrarietà rispetto a quanto accaduto:

"Ovviamente non è bene che tutto ciò sia accaduto. Dobbiamo inviare dei veri ufficiali per coprire tali posizioni e assicurarci di essere in possesso di rapporti veritieri su tutti i membri dello staff".
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook