22:18 06 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
0 01
Seguici su

Ieri su vari media era stata pubblicata la voce che Nissan stesse valutando di uscire dall’alleanza con Renault.

La casa automobilistica giapponese Nissan nel suo comunicato stampa ha negato le notizie dei media sul presunto piano della società di uscire dall’alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi.

"Nissan non sta affatto prendendo in considerazione lo scioglimento dell'alleanza... L'alleanza è una fonte di competitività di Nissan", si legge nel comunicato.

Lunedì, il Financial Times ha riferito che gli amministratori di Nissan avevano accelerato lo sviluppo di un piano di riserva segreto per una possibile uscita dall'alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi, a causa dello scandalo dell'ex CEO di Nissan Carlos Ghosn sull'alleanza.

Lo scandalo di Carlos Ghosn

Carlos Ghosn è stato arrestato il 19 novembre 2018 con l'accusa di frode fiscale. L'importo nascosto dalla dichiarazione dei redditi dal 2010 al 2017 è stimato in 8 miliardi di yen (circa 71 milioni di dollari). Inoltre, si sospetta che Ghosn abbia coperto a spese dell'azienda delle perdite subite a seguito d'investimenti privati. Le perdite ammontavano a 1,85 miliardi di yen (circa 21 milioni di dollari secondo il cambio dell'epoca).

La primavera scorsa, gli avvocati di Ghosn hanno versato un deposito cauzionale di 1,5 miliardi di yen (circa $ 15 milioni), dopo di che è stato rilasciato su cauzione. Prima del processo, che si sarebbe tenuto in Giappone nella primavera del 2020, non aveva il diritto di lasciare il Paese.

Tuttavia, il 29 dicembre, Ghosn ha lasciato la sua casa a Tokyo e ha lasciato il Giappone la sera dello stesso giorno, presumibilmente in una custodia per strumenti musicali. Quindi, dopo essersi fermato a Istanbul, è volato in Libano. In Giappone non è stato ancora chiarito come abbia attraversato il confine, che è una violazione della legge.

Ghosn afferma di aver attraversato legalmente il confine libanese. Gli investigatori giapponesi sospettano che Ghosn sia stato aiutato a fuggire dall'ex ufficiale delle forze speciali, il Berretto Verde statunitense Michael Taylor e da George Zayek, che aveva precedentemente lavorato con Taylor.

Correlati:

Il Libano riceve il mandato dell'Interpol per l'arresto di Ghosn, ex capo della Nissan
Governo libanese aveva chiesto l'estradizione dell'ex capo di Nissan al Giappone
Colpo di scena in casa Nissan, l'ex ceo scappa dal Giappone e si rifugia in Libano
Tags:
Carlos Ghosn, Nissan, Financial Times
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook