17:00 28 Gennaio 2020
Mondo
URL abbreviato
113
Seguici su

Negli anni ‘60 e ‘70 per volontà propagandistiche anti-URSS, l’intelligence britannica finanziò segretamente Reuters, risulta da dei documenti recentemente declassificati.

Il governo britannico ha segretamente finanziato Reuters negli anni '60 e '70 per volere di un'unità di propaganda antisovietica collegata all'intelligence britannica, e ha nascosto i finanziamenti usando la BBC per effettuare i pagamenti, come mostrano dei documenti governativi declassificati.

Questi finanziamenti furono usati per espandere la copertura di Reuters in Medio Oriente e America Latina. 

"Siamo ora in grado di concludere un accordo che fornisce un discreto supporto governativo ai servizi Reuters in Medio Oriente e America Latina", si legge in un documento del governo britannico del 1969 redatto contrassegnato come "Segreto" e intitolato "Finanziamento di Reuters da parte di HMG".

"Gli interessi di HMG dovrebbero essere ben serviti dal nuovo accordo", si afferma nel documento, che è stato declassificato lo scorso anno. HMG è l'acronimo di Her Majesty's Government.

L'eventuale influenza che il governo è stato in grado di esercitare sulle notizie di Reuters in cambio del denaro non è chiara dai documenti, che descrivono in dettaglio un accordo segreto del 1969 con il governo britannico, riporta Reuters. Tuttavia, i documenti illustrano il livello di coinvolgimento che il governo aveva negli affari di Reuters e l'accordo esplicito di nascondere il finanziamento.

I documenti mostrano che l'Information Research Department (IRD), un'unità di propaganda antisovietica britannica con stretti legami con l'intelligence britannica, aveva condotto trattative con Reuters.

Nel 1969, Reuters aveva bisogno di denaro per espandersi ulteriormente in Medio Oriente e potenze occidentali come la Gran Bretagna che volevano rafforzare la loro influenza contro l'Unione Sovietica espandendo i servizi d'informazione in tutto il mondo.

Il finanziamento segreto del governo britannico a Reuters, come indicato nei documenti, ammontava a 245.000 sterline ($ 317.838 ai tassi di cambio correnti) all'anno prima del 1969, per poi ridursi a 100.000 sterline all'anno nel 1969-1970 e a zero nel 1972-1973.

I documenti affermavano che Reuters "poteva fornire e avrebbe fornito" ciò di cui il governo aveva bisogno, sebbene i funzionari del governo ammettessero che Reuters non voleva sembrare che prendesse decisioni per volere del governo britannico.

Reuters, fondata a Londra nel 1851 e ora di proprietà di Thomson Reuters, con sede a Toronto, è una delle maggiori agenzia d’informazioni al mondo.

Correlati:

Regno Unito, regina Elisabetta concede ad Harry e Meghan "periodo di transizione"
Conte all'incontro con Macron: basta propaganda anti-europea
‘Istigazione alla propaganda’: Deputato Uk richiama Soros per l’iniziativa ‘educativa’ Anti-Brexit
Tags:
URSS, Reuters, Media
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik