20:59 08 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
3201
Seguici su

In Messico negli anni ‘80 fu trovato un antico lingotto d’oro gigantesco probabilmente perso dai colonizzatori spagnoli nel 1500.

Sembra che il gigantesco lingotto d'oro fosse in realtà parte del bottino famoso saccheggiatore spagnolo Hernán Cortés e che i conquistatori lo persero durante la loro fuga storica dall'isola nella "Noche Triste" nel 1500.

Un gigantesco lingotto d'oro, scoperto da un operaio edile in Messico nel 1981 è in realtà un pezzo di tesoro azteco, ha rivelato un nuovo studio condotto dagli archeologi del National Institute of Anthropology and History (INAH).

Gli archeologi hanno studiato il pezzo d'oro da 1,93 chilogrammi attraverso speciali tecnologie a raggi X e sono giunti alla conclusione che il lingotto proveniva dagli spagnoli in fuga nella ritirata nota come la "Noche Triste", che li vedevano fuggire dai furiosi Aztechi.

Il Dott. Leonardo Lopez Lujan, direttore del Templo Mayor Project (PTM), un'iniziativa archeologica dell'Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH), ha spiegato che, nonostante la posizione del ritrovamento, a nord della centrale di Alameda, in realtà corrisponde alla via della famosa fuga.

"La cosiddetta "Noche Triste” (La notte triste) è tra gli episodi della conquista che verrà ricordata quest'anno, e c'è solo una prova materiale di essa: un lingotto d'oro che affondò 500 anni fa nei canali di Tenochtitlan, e che la recente analisi conferma che proviene dalla fuga dall'isola intrapresa da Hernán Cortés e dai suoi conquistatori il 30 giugno 1520 ".

Hernán Cortés e altri conquistatori furono inizialmente accolti dall'imperatore azteco Montezuma quando arrivarono nel 1519, ma furono cacciati dagli Aztechi un anno dopo.

Correlati:

Strage in una scuola in Messico, alunno di 11 anni uccide la maestra e si toglie la vita
L'oro tra i protagonisti del 2019: +18%
Oro alle stelle, raggiunto il massimo da due mesi a questa parte: 1513 dollari l'oncia
Tags:
Storia, oro
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook