20:23 07 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
1153
Seguici su

L'Esercito Nazionale Libico del maresciallo Khalifa Haftar ha abbattuto da un drone turco che trasportava munizioni di mortaio, si afferma in una nota dell'ufficio stampa del quartier generale delle forze di Haftar.

Da mezzanotte l'Esercito Nazionale Libico e le forze del governo di unità nazionale del premier al-Sarraj hanno annunciato la cessazione delle ostilità in Libia occidentale a partire dalla mezzanotte. Tuttavia ciascuna delle parti ha promesso di reagire a qualsiasi violazione della tregua.

"Un drone turco nemico che trasportava proiettili di mortaio è stato abbattuto. Si tratta di una violazione del cessate il fuoco. È stato abbattuto da un'unità del martire Abdullah al-Utayri, che fa parte del 128° battaglione di fanteria"," - si legge nel comunicato.

Putin: importante porre fine al confronto militare in Libia

Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che è importante metter la parola fine al conflitto armato in Libia e introdurre uno stabile cessate il fuoco durante i colloqui avuti ieri al Cremlino con la cancelliera tedesca Angela Merkel.

In precedenza i presidenti di Russia e Turchia Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan avevano concordato una posizione comune sulla Libia, invitando tutte le parti al cessate il fuoco a partire dalla mezzanotte di domenica 12 gennaio e a sedersi immediatamente al tavolo dei negoziati.

Crisi libica

Dopo il rovesciamento e l'assassinio del dittatore libico Muammar Gheddafi nel 2011, la Libia ha praticamente cessato di essere un singolo Stato. Nel Paese nordafricano vige un potere duale. Il parlamento eletto dal popolo si trova nella parte orientale del Paese, mentre ad ovest, nella capitale Tripoli, esercita il potere il governo di unità nazionale del premier Fayez al Sarraj, riconosciuto dalle Nazioni Unite e dell'Unione Europea. Le autorità della parte orientale del Paese governano indipendentemente da Tripoli e cooperano con l'Esercito Nazionale Libico del maresciallo Khalifa Haftar.

Tags:
tregua, Turchia, Libia, crisi in Libia, Khalifa Haftar
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook