20:47 08 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
5110
Seguici su

Papa Francesco ritorna sul tema dei migranti in occasione del centenario del Collegio Etiopico. Ricorda le immani fatiche di chi migra, la povertà di chi resta, ma anche ciò che si può fare in patria.

Papa Francesco torna sui migranti e lo fa parlando in occasione dei cento anni del Collegio Etiopico che ha sede tra le Mura Vaticane.

Ricorda che molti etiopi hanno “lasciato la loro patria a costo di immani fatiche e non di rado andando incontro a tragedie per terra e per mare”, ma papa Francesco ricorda che si può fare molto di più, “sia in patria che all’estero”.

Lo dice in particolare agli studenti etiopi e ai vescovi etiopi venuti dall’Etiopia in Italia per festeggiare il centenario.

Papa Francesco coglie l’occasione per ricordare anche la guerra “fratricida” tra Etiopia ed Eritrea e ringrazia chi si è prodigato in prima persona per porre termine a tale guerra, ma ricorda che la vita di quei popoli continua ad essere “segnata dalla povertà”.

Papa Francesco saluta la Chiesa Ortodossa Tewahedo

Nel salutare ed elogiare l’unità tra le religioni in Etiopia e Eritrea, Francesco ha anche voluto ricordare la presenza dei “numerosi fratelli della Chiesa Ortodossa Tewahedo”, di cui ha potuto conoscere “a Roma il Patriarca Sua Santità Mathias di Etiopia” ed al quale non ha fatto mancare il suo “saluto fraterno”.

Correlati:

Papa Francesco: "Una conquista per la donna è una conquista per l’umanità intera"
Papa Francesco: ‘La vita non si sopprime nemmeno quando la malattia è irreversibile’
Papa Francesco porge gli auguri di Natale agli ortodossi
Tags:
Papa Francesco
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook