08:11 10 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
351
Seguici su

Tra i sospetti ci sarebbe anche un volontario della protezione anti-incendi, che gli inquirenti avrebbero notato nei pressi di alcuni luoghi dove sarebbero poi scoppiati degli incendi.

La polizia australiana ha aperto dei fascicoli d'inchiesta su più di 180 persone, accusate di aver causato alcuni degli incendi che stanno devastando il Paese in questi ultimi mesi. A riportarlo è il Sydney Morning Herald, citando fonti di polizia.

Alcune di queste persone sarebbero ritenute direttamente responsabili di aver appiccato degli incendi dolosi, mentre altre rischiano severe multe per non aver rispettato i divieti relativi all'accensione dei fuochi.

Tra gli indagati ci sarebbe anche un volontario del servizio di protezione anti-incendi (RFS) dell'età di 19 anni, il quale a novembre sarebbe stato visto dagli inquirenti a bordo del suo pickup nei pressi del fiume Bega, dove poco dopo è scoppiato un rogo.

Il giovane, sospettato di aver appiccato almeno sette incendi, è stato immediatamente allontanato dai vertici dell'organizzazione, che ha ribadito il proprio approccio di tolleranza zero verso i piromani.

"I nostri membri sono giustamente infuriati per il fatto che le azioni di un singolo possano gettare delle ombre sulla reputazione e sul lavoro di molti altri", ha dichiarato Shane Fitzsimmons di RFS.

Gli incendi in Australia

​Dallo scorso mese di settembre, l'Australia si trova a fronteggiare dei poderosi roghi boschivi, che in totale hanno bruciato una quantità di territorio pari a circa 7 milioni di chilometri quadrati, causando la morte di centinaia di migliaia di animali, tra cui anche esemplari di razze endemiche a rischio estinzione quali koala e canguri.

Nei giorni scorsi, con l'aggravarsi della situazione, il governo di Melbourne ha disposto il dislocamento di oltre tremila militari che sono stati incaricati di supportare i vigili del fuoco e i corpi volontari per estinguere le fiamme.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook