15:41 03 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
Le tensioni tra Usa e Iran dopo l'omicidio del generale Soleimani a Baghdad (92)
35475
Seguici su

Dopo che il parlamento iracheno ha votato per espellere tutte le truppe straniere nazione dopo l’omicidio del comandante iraniano Qasem Soleimani, Donald Trump ha dichiarato che gli USA si ritireranno solo dopo che Baghdad avrà pagato per la base militare americana di Balad.

La base militare di Balad, che ospita le forze statunitensi a circa 50 miglia a nord di Baghdad, è stata costruita prima dell’arrivo di Trump al governo, e ora il presidente pretende che Baghdad paghi per la sua costruzione..

"Abbiamo una base aerea straordinariamente costosa lì. È costata miliardi di dollari. Molto prima del mio arrivo. Non ce ne andremo a meno che non ci rimborsino per questo [...] Imporremo loro sanzioni come non hanno mai visto prima. Farà sembrare le sanzioni iraniane qualcosa di “insulso", ha detto Trump domenica, mentre tornava a Washington dalla Florida.

Ieri il parlamento iracheno ha espresso il suo sostegno a una raccomandazione avanzata dal primo ministro Adil Abdul Mahdi per ordinare il ritiro delle truppe della coalizione a guida statunitense dal paese e porre fine alla cooperazione con la coalizione internazionale.

L'amministrazione Trump ha espresso la sua delusione per la decisione del parlamento iracheno. La coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti ha dichiarato che sospenderà le operazioni antiterroristiche in Iraq, aggiungendo che le sue attività si sarebbero concentrate sulla protezione delle basi militari statunitensi a seguito dell'assassinio e dei recenti attacchi alle strutture che ospitano le truppe statunitensi.

A causa della probabilità dell'espulsione le truppe statunitensi dall'Iraq, i leader dell'UE hanno invitato Baghdad a garantire il sostegno continuo alla coalizione internazionale antiterrorismo guidata dagli Stati Uniti, nonché al trattato nucleare del Piano d'azione congiunto del 2015.

Hezbollah, le milizie sciite irachene all'interno delle forze di mobilitazione popolare appoggiate dall'Iran, in precedenza avevano minacciato di lanciare attacchi a installazioni militari utilizzate dalle forze statunitensi in Iraq a meno che l'amministrazione Trump non avesse rapidamente implementato l'ultimatum del gruppo di ritirare le truppe statunitensi dalla nazione.

Durante il fine settimana, la capitale irachena ha assistito a numerosi attacchi missilistici, anche nella zona residenziale di Al-Jadriya e nella base militare di Balad. Nessuno ha rivendicato la responsabilità dei bombardamenti.

Trump ha minacciato di tenere sotto tiro luoghi culturali iraniani.

Trump ha anche suggerito che la sua amministrazione "potrebbe discutere" del rilascio d'informazioni sull'assassinio di Soleimani e ha ribadito la sua recente minaccia di attaccare siti culturali iraniani.

"Sono autorizzati a uccidere la nostra gente. Sono autorizzati a torturare e mutilare la nostra gente. Possono usare bombe lungo la strada e far esplodere la nostra gente. E non ci è permesso di toccare i loro luoghi culturali? Non funziona così", ha detto Trump.

Trump, che senza informare il Congresso degli Stati Uniti aveva autorizzato l'assassinio del massimo generale iraniano, ha tentato di giustificare l'uccisione extragiudiziale definendola una mossa preventiva e difensiva per prevenire la guerra, affermando in seguito che Washington avesse preso di mira 52 ulteriori siti culturali e militari iraniani per attacchi aerei statunitensi se l'Iran decidesse di vendicarsi.

​La dichiarazione di Trump ha suscitato un forte contraccolpo dall'Iran. Il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif ha criticato Washington e ha dichiarato che qualsiasi attacco alla cultura iraniana costituirebbe un crimine di guerra.

Il segretario di stato americano Mike Pompeo ha dichiarato che ogni azione sarebbe entro i limiti della legalità.

"Ci comporteremo legalmente, ci comporteremo all'interno del sistema. Lo abbiamo sempre fatto e lo faremo sempre”, ha osservato il segretario di Stato.

Bersagliare i siti culturali è un crimine di guerra secondo la Convenzione dell'Aia del 1954 per la protezione dei siti culturali. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha inoltre approvato una risoluzione nel 2017 che ha definito la distruzione deliberata dei siti del patrimonio culturale un crimine di guerra.

Tema:
Le tensioni tra Usa e Iran dopo l'omicidio del generale Soleimani a Baghdad (92)

Correlati:

Trump promette di usare "armi all'avanguardia" in caso di attacco contro l'Iran
Trump avverte: pronti ad attaccare 52 bersagli iraniani se Teheran colpirà cittadini e beni USA
Bernie Sanders presenta disegno di legge per impedire a Trump di fare la guerra all'Iran
Tags:
Baghdad, Qasem Soleimani
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook