21:34 06 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
171022
Seguici su

Il parlamento iracheno ha approvato una legge che chiede al governo di annullare la richiesta di assistenza alla coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti.

Il parlamento dell'Iraq ha votato per la fine dell'accordo con la coalizione per la lotta allo Stato Islamico e per la ritirata delle truppe straniere dal paese.

La notizia è arrivata dopo che il parlamento ha convocato una sessione straordinaria domenica; l'organo legislativo ha votato per porre fine all'accordo con la coalizione guidata dagli Stati Uniti che combatte Daesh.

Il primo ministro iracheno Adil Abdul Mahdi in precedenza aveva chiesto al parlamento di ordinare il ritiro delle truppe straniere dal paese, ha riferito l'emittente Sky News Arabia, quando il parlamento iracheno ha iniziato la sua sessione straordinaria.

Il Primo Ministro ha dichiarato che sia l'Iraq che gli Stati Uniti sono interessati a porre fine alla presenza di truppe straniere nel paese.

Il capo del governo iracheno ritiene che la ritirata delle truppe straniere sarebbe vantaggioso per il paese. Ha inoltre ricordato che le relazioni USA-Iraq non hanno sofferto nonostante l'assenza di truppe straniere nel paese nel periodo 2011-2014.

Ha aggiunto che ci sono due opzioni disponibili per quanto riguarda il ritiro delle truppe della coalizione a guida statunitense. Il primo vedrebbe il loro ritiro immediato e completo, la seconda opzione vedrebbe una ritirata graduale del personale militare straniero.

“Come primo ministro e comandante senior, raccomando la prima opzione. Nonostante le difficoltà interne ed esterne che potremmo incontrare, questa opzione è fondamentalmente migliore per l'Iraq ... Aiuterà a riorganizzare le relazioni con gli Stati Uniti e le altre nazioni, mantenere relazioni cordiali sulla base del rispetto della sovranità territoriale e non consentire interferenze negli affari interni", ha osservato Mahdi.

Uccisione di Soleimani

Abdul Mahdi ha anche affermato che gli Stati Uniti hanno informato l'Iraq dei piani per colpire il comandante alcuni minuti prima dell'attacco. Ha aggiunto che le autorità irachene non avevano concesso tale permesso.

Il primo ministro ha rivelato che avrebbe dovuto incontrarsi con Soleimani la stessa mattina in cui il generale è stato ucciso in un attacco aereo a Baghdad. Secondo Abdul Mahdi, il generale iraniano avrebbe dovuto dare una risposta dall'Iran a "un messaggio saudita".

Nelle prime ore di venerdì, Soleimani e Abu Mahdi al-Muhandis, vice comandante di un gruppo di miliziani sciiti iracheni, sono stati uccisi da un attacco di droni statunitensi vicino all'aeroporto internazionale di Baghdad. Soleimani e al-Muhandis sono stati accusati da Washington di aver organizzato le manifestazioni presso l'ambasciata americana a Baghdad il 31 dicembre.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha affermato che i recenti attacchi sono stati una mossa preventiva e difensiva per prevenire la guerra. Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha avvertito che Teheran si vendicherà di quello che ritiene essere un crimine atroce.

SEGUE

Correlati:

Militari italiani sospendono addestramento truppe in Iraq
Ecco il missile "ninja" che ha ucciso Soleimani in Iraq - video
Corpo del generale Soleimani in Iran per la cerimonia d'addio - Video
Tags:
Iraq
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook