14:16 14 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
122
Seguici su

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, in un discorso trasmesso in diretta TV, ha riferito oggi che un grande numero di rifugiati siriani si sta dirigendo dalla provincia di Idlib verso il confine con la Turchia.

Un Erdogan a tutto campo è intervenuto oggi sugli schermi dell'emittente turca NTV. Critiche ai paesi occidentali e nuovo allarme sull'arrivo di profughi dalla Siria.

"Almeno 200-250 mila rifugiati si stanno muovendo verso il nostro confine. Stiamo cercando di prevenirlo mediante determinate misure, ma questo è un lavoro difficile, perché abbiamo a che fare con delle persone", ha sottolineato Erdogan.

Inoltre, il presidente turco ha rivolto delle critiche contro i paesi occidentali che reprimono le proteste nelle proprie piazze:

"Le città occidentali, che un tempo erano considerate simbolo di potere, ordine e libertà, ora sono diventate prigioni all'aperto", ha detto Erdogan.

Il presidente turco ha anche preannunciato nuovi problemi nei paesi europei, per via della circolazione di droga:

"Nel prossimo futuro ci sarà una catastrafoe nei paesi occidentali, perché ci sono molti trafficanti droga che collaborano con gruppi terroristici che operano sul territorio siriano."

L'intervento del presidente turco arriva nello stesso giorno in cui il parlamento turco ha approvato l'invio di un contingente in Libia per aiutare il Governo di Accordo Nazionale di Faez al-Serraj a contrastare le forze del maresciallo Khalifa Haftar.

I rifugiati siriani in Turchia 

Attualmente si calcola che sul territorio turco siano presenti circa 3,6 milioni di rifugiati siriani, giunti a varie ondate sin dal 2011, anno in cui ha avuto inizio la guerra civile nella Repubblica araba siriana.

In seguito all'operazione Fonte di Pace dello scorso mese di ottobre e alle sanzioni imposte da diversi Paesi europei, la Turchia ha più volte minacciato l'Europa di essere pronta ad "aprire le porte" e a scatenare una crisi migratoria senza precedenti nel Vecchio Continente.

A dicembre scorso Erdogan ha dichiarato che la Turchia non gestirà una nuova ondata dei migranti.

Tags:
Migranti, Turchia, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook