02:06 08 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
4221
Seguici su

Alcune aziende d'armamenti americane stanno lavorando a un nuovo velivolo in grado di condurre operazioni d'intelligence e allo stesso tempo di condurre attacchi terrestri. Tutto a velocità ipersoniche.

Le armi ipersoniche, in grado di volare a velocità cinque volte superiori a quelle del suono, sono l’ultimo ritrovato dei complessi industriali di difesa in tutto il mondo. La Cina, la Russia e gli Stati Uniti lavorano attivamente e in maniera relativamente poco segreta a una vasta gamma di programmi di armi ipersoniche, aggiungendo benzina sul fuoco di una crescente corsa agli armamenti.

Mentre i missili balistici a lungo raggio sono già in grado di raggiungere velocità ipersoniche, viaggiano su traiettorie prevedibili e possono essere rilevati con largo anticipo, dando ai leader militari e politici il tempo di reagire. Inoltre, un numero crescente di sistemi di difesa aerea può essere almeno in parte in grado di intercettare missili balistici.

Tuttavia, nel 2013 il dirigente di Lockheed Robert Weiss ha suscitato scalpore quando ha detto a Aviation Week che il colosso aerospaziale stava sviluppando un velivolo ipersonico e, citando il noto aereo spia Blackbird SR-71, lo ha soprannominato SR-72.

Nessun aereo con equipaggio in servizio operativo ha eguagliato le altissime velocità di crociera Mach 3 a lunga distanza del Blackbird. Fino ad alcuni decenni fa, gli SR-71 superavano semplicemente i missili lanciati contro di loro in missioni di foto-ricognizione nella Corea del Nord e nel Medio Oriente. Ora gli ultimi missili terra-aria rendono inadeguata la velocità di Mach 3 per assicurare la sopravvivenza di un aereo del genere, ma un velivolo ipersonico potrebbe superare di nuovo le minacce schierate contro di esso.

L'SR-72 raffigurato nella concept art di Lockheed è stato descritto come capace di viaggiare a una velocità sei volte maggiore del suono. La sfida, tuttavia, non consiste tanto nella progettazione di un velivolo in grado di raggiungere velocità ipersoniche quanto nel garantire che potesse decollare e atterrare a velocità più basse.

Secondo quanto riferito, Lockheed e la società Aerojet Rocketdyne dunque stanno lavorando a un motore a ciclo combinato che figura sia una turbina per velocità inferiori a Mach 3 e uno scramjet per la velocità di crociera ipersonica. Uno scramjet genera spinta aspirando aria mentre viaggia a velocità supersoniche, il che significa che un motore separato deve spingere l'aereo a quelle velocità prima che lo scramjet possa essere avviato. Il motore a ciclo combinato rende possibile l'approccio a doppio motore facendo in modo che turbante e scramjet condividano gli stessi ingressi e ugelli di scarico.

Tuttavia l’SR-72 (SR sta per Strategic Reconnaissance, Ricognizione Strategica) sarà qualcosa di differente. Infatti manterrebbe le caratteristiche del suo predecessore per quanto riguarda l’alta velocità diverse volte superiore a quella del suono, ma si tratterebbe di un velivolo con altri compiti oltre a quelli di intelligence, sorveglianza e ricognizione. Infatti probabilmente il nuovo velivolo potrebbe essere un drone bombardiere in grado di colpire bersagli con poco preavviso. Viaggiando a velocità superiori ai 6000km all'ora, un bombardiere ipersonico potrebbe teoricamente partire da una base negli Stati Uniti continentali per colpire obiettivi attraverso il Pacifico o l'Atlantico in soli 90 minuti. A differenza dei vari missili ipersonici in fase di sviluppo, potrebbe quindi tornare alla base e rifornirsi per ulteriori sortite.

La velocità ipersonica è il nuovo “stealth”?

Da un lato il rapporto costi benefici di un bombardiere/aereo spia ipersonico è discutibile. Sarebbe sicuramente privo di caratteristiche stealth, in quanto il calore generato da velocità così elevate li renderebbe altamente visibili ai sensori e brucerebbe materiali radar-assorbenti. Quindi eventuali nemici probabilmente lo vedrebbero arrivare, anche se avessero relativamente poco tempo per reagire.

Allo stesso tempo però c’è una frangia significativa nei ranghi del Pentagono e della DARPA che crede che “la velocità sia il nuovo stealth” riflettendo la crescente convinzione in alcuni settori che il miglioramento dei sensori e dei radar alla fine ridurrà la sopravvivenza degli aerei stealth, rendendo la velocità ancora una volta il più importante come mezzo di difesa. Dato il crescente interesse del Pentagono per tutti i tipi di armi ipersoniche, è possibile che un eventuale UAV ipersonico possa attirare finanziamenti aggiuntivi necessari per renderlo realtà. Tuttavia, ciò potrebbe metterlo in contrasto con il paradigma orientato alla furtività a cui l’aviazione USA è attualmente impegnata.

Correlati:

La velocità dei missili ipersonici russi "Kinzhal" e "Zirkon" supera 10 Mach
In Russia iniziata la produzione in serie dei sistemi missilistici ipersonici "Avangard"
Missili ipersonici, come gli USA pianificano di fermarli
Tags:
Tecnologia, guerra, Armamenti, armi ipersoniche, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook