09:27 31 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
113
Seguici su

Contagio esponenziale, un paziente affetto ne contagia altri due. Il 73% dei decessi riguarda bambini con età inferiore ai 5 anni. MSF: "Sforzi insufficienti a contrastare l'epidemia".

L'Oms l'ha definita la più grave epidemia di morbillo in Congo e la maggiore al mondo. Da gennaio 2019 sono oltre 288 mila i contagi e 5.700 le vittime. La malattia si è manifestata in una forma più virulenta, con un tasso di mortalità superiore al 2%, il doppio del normale. A essere maggiormente colpiti dal virus sono i bambini al di sotto dei 5 anni e sono soprattutto i bambini a morire: rappresentano il 73% dei decessi. La diffusione dell'epidemia dilaga ormai in tutte le 26 province del Paese.

La trasmissione del virus avviene in maniera esponenziale: ogni ammalato contagia altre due persone. Solo nell'ultima settimana di novembre sono stati registrati 9.605 nuovi casi. Le cause del diffondersi dell'epidemia sono da ricercarsi principalmente nella carenza di vaccini. 

Non esistono cure specifiche contro il morbillo, spiega in una nota Medici Senza Frontiere, che si trova sul posto. La prevenzione è l'unica profilassi possibile. Ma la copertura vaccinale è estremamente bassa, a causa della carenza di personale, di dosi e delle difficoltà di accesso alle strutture sanitarie. Inoltre, a causa delle temperature, ci sono enormi difficoltà nella conservazione dei vaccini, senza spezzare la catena del freddo. 

Gli sforzi per contrastare l'epidemia, spiega MSF, sono insufficienti. Il ministero della Salute congolese ha avviato delle "attività di immunizzazione supplementari - spiega Alex Wade, capomissione di Msf - ma ci sono ancora molte zone in cui l’epidemia continua".

"Ma la situazione attuale suggerisce che i bisogni persisteranno, soprattutto per i bambini di età superiore ai cinque anni che non saranno stati vaccinati durante questo periodo" prosegue. "Troppi bambini sono morti per questa malattia facilmente prevenibile”.

 

 

Tags:
epidemia, emergenza, OMS, Medici Senza Frontiere, morbillo, Repubblica democratica del Congo, Africa
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook