13:47 09 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
5234
Seguici su

Gli Stati Uniti hanno condotto attacchi aerei contro i paramilitari sostenuti dall'Iran in Iraq e Siria in seguito alla morte di un contractor americano.

Fonti di sicurezza irachene hanno riferito che almeno 25 combattenti del gruppo Kataib Hezbollah sono stati uccisi e oltre 50 feriti negli attacchi di domenica.

Il gruppo è considerato un'organizzazione terroristica dagli Stati Uniti. Un attacco missilistico alla base di Kirkuk venerdì ha ucciso un contractor americano e ferito altre persone tra il personale della base.

Parlando sabato a Washington DC, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha avvertito l'Iran che gli Stati Uniti avrebbero reagito se vite americane fossero state messe a rischio.

"Oggi quello che abbiamo fatto è stato prendere una risposta decisiva che chiarisce ciò che il presidente Trump ha detto per mesi: che non staremo a guardare la Repubblica islamica dell'Iran intraprendere azioni che mettono in pericolo uomini e donne americani", ha detto.

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Mark Esper ha detto ai giornalisti che i caccia F-15 avevano colpito cinque obiettivi associati a Hezbollah. Il Pentagono ha affermato che tre erano nell'Iraq occidentale e due nell'est della Siria.

Gli obiettivi finito sotto il mirino sono stati depositi di armi e centri di comando e di controllo, ha aggiunto Esper.

Fonti irachene hanno riferito che uno degli attacchi ha colpito il quartier generale del gruppo dei paramilitari nel distretto occidentale di Al Qaim e che almeno quattro comandanti sono morti.

La presunta influenza dell’Iran in Iraq

L'influenza dell'Iran negli affari interni dell'Iraq è cresciuta costantemente dopo l’invasione degli Stati Uniti che ha rovesciato Saddam Hussein nel 2003. Ha stretti legami con i politici sciiti che fanno parte dell'élite al potere e ha appoggiato la forza paramilitare della mobilitazione popolare, che è dominata dalle milizie sciite.

All'inizio di questo mese, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha incolpato le forze sostenute dall'Iran di una serie di attacchi in Iraq. Inoltre ha avvertito Teheran che qualsiasi attacco da parte del Paese o dei suoi delegati alle forze americane o agli alleati avrebbe "ricevuto una risposta decisiva dagli Stati Uniti".

Correlati:

Iraq, trovata fossa comune dell'ISIS con 643 persone scomparse nel 2015
Iraq, sale a 45 il bilancio dei morti nelle proteste antigovernative
Iraq: continuano le proteste, la polizia apre il fuoco, cinque morti
Tags:
aerei, attacchi, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook