11:10 03 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
1131
Seguici su

Non c'è più posto nella regione per le forze armate statunitensi. Lo ha dichiarato l'ammiraglio Hossein Khanzadi, comandante della marina militare iraniana.

"Oggi finisce l'era della libera azione americana nell'area e loro (le forze statunitensi) devono abbandonare gradualmente la regione", ha dichiarato questa domenica mattina il contrammiraglio Khanzadi alla stampa, a commento dell'esercitazione navale congiunta fra Iran, Russia e Cina, in corso nel Mare dell'Oman e nelle parti settentrionali dell'Oceano Indiano.

"Riteniamo che la sicurezza regionale non richieda la presenza di quei Paesi (stranieri) e che gli stessi Stati della regione possano garantire la sicurezza insieme", ha aggiunto. Il comandante della Marina iraniana ha anche espresso la speranza che un numero maggiore di paesi dell'area si unirà  agli sforzi dell'Iran per garantire la sicurezza.

"Riteniamo che la sicurezza marittima abbia di certo bisogno di un'azione collettiva", ha proseguito Khanzadi.

Ha poi aggiunto che gli amici dell'Iran, così come quei Paesi che favoriscono la sicurezza della regione, hanno accolto con favore l'esercitazione navale congiunta, mentre gli Stati Uniti e quanti cercano di imporre accordi di sicurezza inappropriati nella regione riceveranno "messaggi significativi" dalle manovre navali.

Le esercitazioni congiunte fra Iran, Russia e Cina

Iran, Russia e Cina stanno svolgendo un esercizio navale congiunto di quattro giorni, soprannominato Marine Security Belt, nell'Oceano Indiano e nel Golfo di Oman.

L'ammiraglio Khanzadi ha specificato che per Teheran si tratta di un'importante occasione per rafforzare ed espandere le attività di cooperazione militare, in particolare nel contrasto alla pirateria. “Lo scopo delle esercitazioni di  guerra - ha chiarito Khanzadi - è quello di garantire la sicurezza collettiva e contribuire a rafforzare la sicurezza nella regione settentrionale dell'Oceano Indiano, che sta assistendo a diversi incidenti, come la pirateria".

Ha espresso anche la disponibilità della marina iraniana a collaborare con quella cinese nella produzione di cacciatorpediniere e sottomarini. "Inizieremo a produrre mezzi pesanti per la superficie o sommergibili in un prossimo futuro e siamo pronti per operazioni congiunte e lo scambio con la Cina di dati tecnici e capacità di ricerca ”, ha aggiunto il generale iraniano.

Tags:
Esercitazioni navali, Cina, Russia, Iran
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook