10:00 10 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
2168
Seguici su

L'isola di Spitsbergen, a circa 810 miglia dal Polo Nord nella zona più occidentale dell'arcipelago delle Svalbard, ospita un luogo unico e segreto, protetto con sistemi di sicurezza robusti e sensibili.

Il governo norvegese ha finanziato il "bunker Giorno del Giudizio", un nascondiglio segreto originariamente proposto dallo scienziato americano Cary Fowler, costruito per essere utilizzato come una moderna "Arca di Noè" in cado di fine del mondo. Lo ha riferito il reporter australiano Charles Wooley, 60 minuti australiani, durante un viaggio verso la regione selvaggia del Circolo polare artico, dove si è recato per girare un documentario.

La "volta" di Spitsbergen, in realtà, è una banca da 3,7 milioni di sterline che ospita una vasta gamma di semi di piante, i cosiddetti campioni "di riserva", un duplicato di semi detenuti in banche genetiche di tutto il mondo che servono a garantire che i preziosi e rari campioni  non andranno persi in caso di crisi regionale o globale.

"Nel gelato deserto artico dell'isola norvegese delle Svalbard, non lontano dal Polo Nord, c'è una presenza che sembra aliena come una piramide sulla Luna", ha detto Wooley al pubblico televisivo, proseguendo in modo descrittivo:

"Si erge a 10 metri da terra e si inclina all'indietro come un obelisco caduto", ha detto. Contiene i semi congelati del "90% delle colture del mondo" accuratamente conservate nel bunker, per fungere da "potenziale polizza assicurativa contro eventuali calamità come guerra, terrorismo, incendio o alluvione".

Il dottor Fowler ha portato le telecamere nel caveau, che si trova su una montagna di arenaria, attraversando diversi livelli di sicurezza prima di spiegare finalmente la scelta di questa ubicazione per proteggere il suo" magazzino": "Contiene molta storia, storia biologica, a circa 130 metri sotto la superficie, ma non era una voce dei cieli che mi ha influenzato, solo una frustrazione di lungo periodo, che ho accumulato dopo aver visto estinguere innumerevoli biodiversità", ha proseguito Fowler.

“Dopo l'11 settembre possiamo dire quale contea e quale edificio è al sicuro nel mondo? Così abbiamo pensato che ci doveva pur esistere un altro posto lontano, remoto e sicuro, dove poter archiviare questo "backup" genetico”, ha detto, riferendosi alle oscure previsioni di un inverno nucleare - l'eventualità del Sole bloccato dalla cappa creata da una massiccia eruzione vulcanica o una tempesta di asteroidi, che potrebbe avvenire già 2020.

Costantemente sorvegliata, la struttura è gestita dal Centro di ricerca genetica nordica.

Tags:
Isole Svalbard, Norvegia, Norvegia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook