00:19 27 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
6038
Seguici su

Il presidente siriano aveva precedentemente sottolineato che le autorità avrebbero offerto ai civili l'opportunità di lasciare la provincia prima che iniziasse l'operazione di liberazione, che secondo lui "non richiederebbe molto tempo".

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump via Twitter ha applaudito gli sforzi della Turchia per “fermare la carneficina” contro i civili nella provincia di Idlib, di cui ha accollato la responsabilità alla Russia, Iran e Siria.

​"Russia, Siria e Iran stanno uccidendo, o stanno per uccidere, migliaia di civili innocenti nella provincia di Idlib. Non fatelo! La Turchia sta lavorando duramente per fermare questa carneficina", scrive Trump nel suo tweet.

Liberazione di Idlib

Dalla metà di dicembre, l’esercito siriano ha ripulito la provincia dalle formazioni terroristiche, tra cui Daesh* e Tahrir al-Sham, precedentemente noto come Fronte di Nusra*. Idlib rimane una grande roccaforte del terrorismo, poiché ospita circa 10mila jihadisti di varie fazioni.

A inizio mese, il ministro degli Esteri russo ha dichiarato che Idlib deve essere completamente liberata dai terroristi e posta sotto il controllo del paese.

Tuttavia, ha osservato che la Turchia ha ancora problemi nel distinguere i combattenti dell’opposizione dai terroristi di Idlib.

La Russia e la Turchia hanno concordato nel 2018 di istituire una zona smilitarizzata a Idlib lungo la linea di contatto tra l’opposizione armata e le forze governative.

Russia, Iran e Turchia sono garanti del cessate il fuoco in Siria, coinvolto in una guerra civile da 8 anni.

*Daesh (noto anche come ISIS/ISIL/IS) e Al-Nusra Front of Jabhat al-Nusra, noto come Jabhat Fatah Al-Sham sono gruppi terroristici fuorilegge in Russia.

Correlati:

Siria, miliziani si rifiutano di abbandonare pacificamente la provincia di Idlib - governo Damasco
Siria, esercito Damasco libera diversi insediamenti nella provincia di Idlib
Siria, polizia militare russa occupa ex postazione americana - Video
Tags:
Guerra in Siria, ISIS in Siria, Siria, Crisi in Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook