14:41 04 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
118
Seguici su

Tra coloro che sono stati costretti a mettersi al riparo dai missili di Hamas c'è anche il premier Benjamin Netanyahu, che stava tenendo un comizio elettorale ad Ashkelon.

Nonostante i festeggiamenti in occasione del Natale cristiano, contemporaneo alle celebrazioni della ricorrenza ebraica di Hanukkah, non si placano le tensioni sulla striscia di Gaza, dove ieri si è assistito all'ennesimo botta e risposta tra i miliziani di Hamas e l'esercito di Israele.

Le autorità israeliane hanno reso noto di aver intercettato, grazie ai sistemi difensivi Iron Dome, un missile partito proprio dalla Striscia di Gaza e sparato contro obiettivi civili nella città di Ashkelon.

Non si è fatta attendere a lungo la veemente risposta delle forze armate di Tel Aviv, che hanno pesantemente bersagliato diverse posizioni di Hamas, tra cui dei "complessi militari".

Al termine delle operazioni, il generale dell'esercito israeliano, Aviv Kohavii, ha indirizzato un messaggio alle milizie presenti a Gaza, minacciando che nel prossimo futuro anche Israele potrebbe decidere di bersagliare delle aree a vasta densità abitativa, ripagando Hamas della stessa moneta.

"Nella prossima guerra saremo costretti a colpire delle zone urbane. E' il nemico che sta scegliendosi questo tipo di posizioni. Colpiremo tutto ciò che fornisce supporto al terrorismo, permettendogli di esistere e di agire: la rete elettrica, le riserve di carburante e le infrastrutture", sono state le parole dell'ufficiale israeliano.

Anche Netanyahu coinvolto

Tra coloro che si sono, loro malgrado, coinvolti al momento dell'attacco delle milizie palestinesi, c'è anche il premier israeliano Benjamin Netanyahu, che stava tenendo un comizio elettorale proprio ad Ashkelon ed è stato costretto a ripararsi in un rifugio antibomba.

Una volta cessato l'allarme, tramite il suo profilo Twitter, il primo ministro israeliano ha mandato un avvertimento ad Hamas, affermando che chiunque avesse lanciato i missili avrebbe fatto meglio a prepararsi "a fare le valigie".

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook