16:26 28 Marzo 2020
Mondo
URL abbreviato
3222
Seguici su

Il presidente russo si è espresso sulla qualità della dotazione nazionale di armi.

"Questa non è una partita a scacchi in cui possiamo accontentarci di un pareggio, dobbiamo essere i migliori", ha dichiarato il presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin. 

"Se vogliamo vincere la nostra tecnologia deve essere la migliore dei modelli usati negli altri Paesi del mondo", ha aggiunto. 

Il presidente russo ha dichiarato durante la riunione ampliata al ministero della Difesa, che la proporzione di armi moderne nella triade nucleare russa ha raggiunto l'82%.

Nel 2019 le Forze Armate hanno vissuto una serie di nuovi cambiamenti qualitativi e sistemici. Pertanto, la percentuale di armi avanzate nella triade nucleare ha raggiunto l'82%", ha detto Putin.
Il presidente ha detto anche che le forze nucleari russe, durante le esercitazioni, hanno mostrato la loro straordinaria capacità. 

"Le truppe, utilizzando nuove attrezzature, si addestrano regolarmente all'esecuzione di compiti tatticamente complessi durante esercitazioni, manovre e operazioni di sorpresa. Pertanto, le forze nucleari hanno dimostrato in modo convincente le loro maggiori capacità durante gli esercizi Grom 2019; la flotta e l'aviazione hanno assolto pienamente i lloro compiti durante le esercitazioni di  Ocean Shield"ha detto Putin alla riunione.

La presenza russa a Tartus

Inoltre Putin ha sottolineato come la presenza dell'esercito russo nel porto siriano di Tartus e nella base aerea di Hmeymim siano una garanzia di pace e stabilità nella regione. 

"Il gruppo aereo delle Forze Aerospaziali russe, le navi e i sottomarini della Marina, stanziati nell'aerodromo di Hmeymim e nella base navale del porto di Tartus, tra le altre, sono garanti di pace e stabilità in Siria" ha detto Putin.

La Siria vive dal marzo 2012 un conflitto nel quale le forze governative affrontano gruppi armati dell'opposizioni e organizzazioni terroristiche. La Russia ha lanciato nel settembre 2015 un'offensiva aerea nel paese arabo, su richiesta del presidente siriano Bashar Al Assad. 

Dopo che il 6 dicembre 2017 lo Stato Maggiore Generale della Russia ha annunciato la liberazione di tutti i territori controllati in precedenza dai terroristi dell'Isis (l'autodenominato Stato Islamico, organizzazione illegale in molti paesi), in Siria, il presidente Putin ha ordinato il terzo taglio del contingente russo impiegato. 

Attualmente la Russia mantiene la sua presenza militare nella base aerea di Hmeymin e nel porto di Tartus.

Tags:
Vladimir Putin, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook