18:48 30 Marzo 2020
Mondo
URL abbreviato
0 12
Seguici su

Il comando militare nordamericano conferma di continuare a monitorare, come da tradizione, i movimenti della leggendaria figura che consegna i regali ai bambini, oltre che gli oramai altrettanto ‘tradizionali’ test missilistici della Corea del Nord.

Il NORAD, North American Aerospace Defense Command - in italiano: Comando di Difesa Aerospaziale del Nord-America, ha sede a Colorado Springs e consiste in un comando militare congiunto statunitense e canadese la cui missione è quella di emanare allerte e controllare tutti gli spazi aerei e marittimi del Nord America.

Non tutti sanno però che per oltre sessant’anni si è occupato anche del monitoraggio in tempo reale di Babbo Natale, da quelle parti altrimenti noto anche come Kris Kringle, lungo tutto il percorso della sua slitta trainata da renne e il duro lavoro di consegna regali.

"Mentre il NORAD conduce la sua missione principale che è quella di difendere il Nord America dalle minacce, siamo orgogliosi di continuare la nostra tradizione di tracciare il viaggio di Babbo Natale in tutto il mondo", ha dichiarato NORAD in una nota che, pur benaugurale e molto natalizia, ha suscitato qualche perplessità sui social.

​Grazie a questo espediente natalizio, va osservato, il sito web di monitoraggio di Babbo Natale del NORAD www.noradsanta.org, riceve in questo periodo quasi 15 milioni di visitatori unici da oltre 200 paesi e territori in tutto il mondo, ha affermato la stessa agenzia governativa.

Il NORAD negli ultimi anni ha monitorato i test missilistici a lungo raggio della Corea del Nord e, sempre per rimanere in tema, Pyongyang all’inizio di questo mese ha avvertito Washington di un possibile "regalo di Natale" con riferimento a ulteriori test e lavoro per l’agenzia di monitoraggio nordamericana. Ciò è avvenuto dopo che il leader nordcoreano Kim Jong Un ha dato agli Stati Uniti la scadenza di fine anno per proporre nuove concessioni nei colloqui sull'arsenale nucleare del suo paese e ridurre le tensioni tra i due avversari di lunga data.

Ma come sarebbe iniziata questa strana tradizione?

La tradizione di geolocalizzare Babbo Natale alla NORAD iniziò nel lontano 1955, quando un grande magazzino di Colorado Springs stampò erroneamente il numero di telefono di Babbo Natale, secondo il sito web della stessa Agenzia.

La prima chiamata arrivò da una bambina e per qualche motivo arrivò al Colonnello dell'aeronautica Harry Shoup, direttore di quello che allora era noto come il comando di difesa aerea continentale.

Secondo questa versione Il Colonnello avrebbe assicurato alla bambina che Babbo Natale era in viaggio. Dopo di che iniziarono a chiamare sempre più bambini per ricevere le stesse rassicurazioni. A quel punto al comando militare non sarebbe restata altra alternativa se non quella di aggiungere una nuova missione alla tradizionale routine di difesa.

Rinominata NORAD tre anni dopo, e divenuta l'Agenzia combinata canadese e americana che conosciamo oggi, la missione di Babbo Natale è continuata da allora ininterrottamente. Gli osservatori di Babbo Natale possono ora rintracciare la posizione del generoso missionario attraverso gli account Facebook, Twitter, Instagram e YouTube della NORAD. Sempre che non arrivino i ‘regali di Natale’ anche da Pyongyang promessi da Kim Jong Un.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook