08:34 07 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
4116
Seguici su

Un aereo caccia Su-57 di quinta generazione si è schiantato durante le prove di fabbrica sull'Amur, nell'estremo oriente. Il pilota è stato espulso dal sistema di sicurezza e soccorso. Si tratta del primo incidente nella storia del programma di aviazione del Sukoi 57.

Un caccia d'avanguardia della flotta aeronautica militare Russia Su-57 si è schiantato durante un test di fabbrica di routin, nei pressi dell'impianto di aeromobili di Komsomolsk sull'Amur, in Estremo Oriente. Salvo il pilota grazie al sistema di espulsione di sicurezza,  soccorso e prelevato da un elicottero di salvataggio Mi-8. Si tratta del primo incidente nella storia del programma di aviazione del modello Su-57.
L'aereo coinvolto nell'incidente apparteneva al produttore e stava subendo una serie di test di volo per circa 110 chilometri nella base aerea di Dzyomgi nella regione russa di Khabarovsk.

Non ci sono state vittime o danni sul terreno, ha confermato il produttore in una breve dichiarazione. Le scatole nere dell'aereo militare devono ancora essere recuperate.

Il caccio Su-57

L'aereo da combattimento di quinta generazione è stato in prova dal 2010. Solo quest'anno è finalmente entrato in produzione seriale. Al momento la Russia non ha molti esemplari di Su-57, fabbricati durante il periodo di pre-produzione.

Anche se ancora non è operativo, l'Su-57  è  stato già testato in condizioni di combattimento reali. E' stato utilizzato, infatti, anche se per breve tempo, nella campagna antiterroristica russa in Siria. La manovrabilità e caratteristiche supersoniche rendono gli Su-57 stealth a doppio motore degli aerei unici, destinati a diventare la spina dorsale della superiorità aerea russa durante la guerra. Il caccia di quinta generazione è impostato per essere dotato di bombe guidate "intelligenti" e, a quanto si dice, otterrà un missile ipersonico altamente manovrabile, simile a Kinzhal.

Tags:
Incidente, su-57, caccia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook