23:37 11 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
251
Seguici su

Il numero di effettivi del nuovo dipartimento delle forze armate degli Stati Uniti sarà pari a 16000 unità, tra personale militare e civile.

La Repubblica Popolare cinese ha pubblicamente condannato l'inaugurazione del nuovo dipartimento della Difesa americana, le cosiddette Forze spaziali, definendolo una minaccia per la pace e la stabilità internazionale.

Il portavoce del Ministero degli Esteri di Pechino, Geng Shuang, in un'intervista ai media ha raccontato delle "preoccupazioni" di Pechino, la cui posizione è "di ferma contrarietà" rispetto alla creazione di corpi militari spaziali.

"Le azioni degli USA sono da considerarsi una seria violazione al pacifico sfruttamento dello spazio e minano la stabilità strategica internazionale, ponendosi come una minaccia diretta alla pace e alla sicurezza nello spazio", sono state le parole di Shuang.

Il funzionario ha poi auspicato un intervento della comunità internazionale, affinché venga adottato un approccio "cauto e responsabile" alla corsa allo spazio, al fine di prevenire che esso diventi in futuro scenario di nuovi, nefasti conflitti.

Durante la cerimonia di inaugurazione delle forze spaziali, il presidente USA, Donald Trump, ha definito lo spazio "il nuovo scenario bellico mondiale", sottolineando il fatto che la superiorità americana in tale contesto sia un qualcosa di "vitale" per Washington.

Le Forze spaziali USA 

Recentemente Trump ha firmato il decreto che istituisce il comando delle forze spaziali, nella cui area di responsabilità rientrano "gli obblighi legati allo spazio, precedentemente assegnati al Comando strategico degli Stati Uniti".

Il nuovo dipartimento del Pentagono, sostanzialmente, amplia le funzioni del già esistente comando spaziale, finora gestito dalla US Air Force, l'aviazione americana.

Dalle prime informazioni disponibili, sembrerebbe che le forze spaziali comprenderanno un numero di effettivi pari a 16000 tra militari e civili.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook