08:09 01 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
5252
Seguici su

Il pacchetto per la spesa militare, contenente le sanzioni al Nord Stream 2 e al Turkish Stream sono state firmate dal presidente Trump il 21 dicembre.

Il ministro degli Esteri della Federazione Russa, Sergey Lavrov, ha dichiarato che dopo l'imposizione delle sanzioni sul Nord Stream 2, nessun Paese potrà più nutrire alcun dubbio circa l'inaffidabilità degli Stati Uniti d'America.

"Dopo che addirittura i partner più vicini sono stati puniti per il semplice fatto di essersi occupati delle proprie questioni di carattere economico, legate all'approvvigionamento energetico, credo che ora nessun Paese al mondo potrà avere dubbi sul fatto che quando gli Stati Uniti ti promettono qualcosa, poi possono abbandonarti in qualunque momento", sono state le parole di Lavrov.

Il capo della diplomazia russa ha poi sottolineato come Washington abbia ancora una volta dimostrato fino a che punto la sua politica diplomatica si fondi sull'incutere terrore attraverso diversi metodi, quali sanzioni, ultimatum e minacce.

Le sanzioni al Nord Stream

Il 21 dicembre scorso l'amministrazione Trump ha varato il pacchetto di spesa per la Difesa USA per l'anno fiscale 2020, il quale prevede l'imposizione di misure restrittive nei confronti dei progetti Nord Stream 2 e Turkish Stream.

L'Unione europea, Berlino in testa, e ovviamente Mosca hanno fortemente criticato le sanzioni extraterritoriali imposte da Washington ma anche altri governi del Vecchio Continente, come quello svizzero, si sono espressi in modo sfavorevole. 

La Russia ha  già fatto sapere che nei prossimi giorni il Paese presenterà un piano di risposta alle limitazioni imposte dagli USA.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook