16:04 12 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
2190
Seguici su

Un’offensiva del gruppo terroristico Tahrir al-Sham è stata bloccata dalle forze armate siriane. L’obiettivo dell’attacco era l’avanzata verso una località nella provincia di Idlib. Tra i feriti dell’attacco ci sono state perdite anche tra i membri delle unità siriane.

Le forze armate siriane hanno respinto un’offensiva del gruppo terroristico Tahrir al-Sham che ha tentato di avanzare verso la località Karratin Al Kabirah, in provincia di Idlib, ha riferito il generale Yury Borenkov, direttore del Centro russo per la riconciliazione delle parti siriane in conflitto.

"Alle 12.40 del 21 dicembre 2019, un’unità di soldati del gruppo Tahrir Al-Sham, con un totale di circa 100 persone, ha tentato di penetrare la difesa delle forze governative siriane in direzione della località di Karratin Al Kabirah, in provincia di Idlib", ha detto Borenkov.

Il generale ha aggiunto che l'offensiva dei militanti è stata fermata dal fuoco di artiglieria dalle forze armate siriane, a seguito del quale gli assalitori hanno subito significative perdite.

A quanto si apprende, i terroristi hanno in seguito tentato di attaccare le posizioni delle forze armate siriane a nord del villaggio Sukayyat della provincia di Idlib. L’attacco è stato effettuato mediante un veicolo minato guidato da un kamikaze. L’automobile è stata distrutta dalle forze governative.

“Tuttavia, dopo il fuoco dei lanciarazzi multipli da parte dei miliziani, 6 soldati siriani sono deceduti ed altri 13 hanno riportato ferite di diversi gradi”, ha dichiarato Borenkov.

Borenkov ha aggiunto che il Centro russo per la riconciliazione delle parti siriane in conflitto esorta i comandanti dei gruppi paramilitari illegali a rinunciare alle provocazioni con l’uso di armi ed imboccare la strada della risoluzione pacifica nelle zone controllate da essi.

Pochi giorni fa i terroristi avevano creato false flag con armi chimiche nella provincia siriana di Idlib, con l'obiettivo di preparare materiali fotografici e video per la diffusione su siti internet e sui media mediorientali e occidentali per promuovere accuse contro le forze governative siriane in relazione all'uso di armi chimiche contro civili e attacchi indiscriminati.

Tags:
Russia, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook