14:08 04 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
Pressioni su Sputnik Estonia (22)
0 71
Seguici su

L'ex premier estone ed ex sindaco di Tallin Edgar Savisaar si è schierato contro la pressione delle autorità nei confronti dei collaboratori di Sputnik Estonia. 

In precedenza l'agenzia russa di stampa internazionale Rossiya Segodnya aveva denunciato che i dipendenti dell'edizione estone di Sputnik avevano ricevuto minacce dirette dalla polizia e dalle guardie di frontiera relativamente all'avvio di procedimenti penali contro di loro se non avevano interrotto la collaborazione con il media russo entro il 1° gennaio 2020.

Come giustificazione, le autorità estone hanno fatto riferimento alle sanzioni imposte dall'Unione Europea il 17 marzo 2014 contro diverse persone fisiche e giuridiche russe alla luce degli eventi in Ucraina.

"Non credo sia giusto che l'Estonia voglia chiudere Sputnik. I media dovrebbero essere liberi, anche se non ci piacciono. Il Partito di Centro ha sempre sostenuto la libertà di stampa. Questo vale per la Russia ed altri Paesi. Non possiamo rimanere in silenzio su queste cose", ha scritto su Facebook Savisaar, fino al 2016 presidente di questa forza politica.

Mosca accusa le autorità estoni di persecuzione aperta contro Sputnik

Le autorità dell'Estonia molestano apertamente l'agenzia Sputnik, interferiscono con il suo lavoro ricorrendo a mezzi amministrativi, aveva in precedenza dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

Il ministero degli Esteri della Federazione Russa ha espresso preoccupazione per la "situazione oltraggiosa" nei riguardi di Sputnik Estonia; Mosca si appella alle istituzioni internazionali e alle Ong per i diritti umani affinché reagiscano immediatamente.

Anche Putin ha commentato la situazione che sta vivendo Sputnik Estonia. Il capo di Stato russo ha osservato che i giornalisti di questi media stanno facendo molto e che i tentativi di Tallinn di fermarli "non dovrebbero passare inosservati".

La direttrice di Sputnik commenta i tentativi di ‘sfratto’ di Sputnik Estonia

Come precedentemente affermato da Margarita Simonyan, direttrice di Sputnik e Rt che fanno parte dell'agenzia russa di stampa internazionale Rossiya Segodnya, l'agenzia non si è imbattuta nei problemi avuti in Estonia da nessuna parte: i dipendenti sono stati convocati per interrogatori presso i servizi segreti locali e alle banche locali è stata vietata la collaborazione con l'agenzia.

Tema:
Pressioni su Sputnik Estonia (22)
Tags:
Censura, Giornalismo, Estonia, Sputnik
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook