20:52 26 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 211
Seguici su

Il Ministro delle comunicazioni della Federazione ha dichiarato che il prossimo lunedì verrà effettuato un test a livello nazionale per verificare l’affidabilità dell’infrastruttura Internet domestica in caso in cui il Paese venisse disconnesso dalla rete mondiale.

I test si svolgeranno in più fasi il 23 dicembre e non influenzerà i normali utenti di Internet, ha affermato giovedì il ministero.

La Russia aveva emanato a novembre una legge nota come "legge dell’Internet sovrano”, criticata da alcuni attivisti interni e osservatori esterni come un tentativo del Governo di rafforzare la propria supervisione sul cyberspazio e che il governo stesso ha invece spiegato con la semplice necessità di doversi premunire dalla possibilità di venire isolati dalla rete per iniziative unilaterali tipo le già note sanzioni economiche.

La legge è stata quindi sviluppata, secondo le autorità, in risposta a quella che la Russia chiama la "natura aggressiva" della strategia nazionale di sicurezza informatica degli Stati Uniti, che accusa Mosca di aver effettuato attacchi di hacking, e che potrebbe portare a una escalation nelle relazioni anche informatiche.

E’ contro quindi la possibilità di poter subire un vero e proprio embargo informatico finendo tagliati fuori dalla rete che la Russia si starebbe attrezzando per essere ‘informaticamente autosufficiente’. Staccando la rete occidentale, la Federazione continuerebbe a poter tranquillamente navigare grazie al suo sistema web autonomo.

Secondo la legge approvata quindi, tutti gli operatori delle comunicazioni, le messaggerie e i fornitori di posta elettronica, dovranno partecipare ai test, nonché le istituzioni statali e i servizi di sicurezza.

Nella sua conferenza stampa annuale con i giornalisti di giovedì, il presidente Vladimir Putin ha insistito sul fatto che una connessione Internet gratuita e una rete sovrana non si contraddicono a vicenda.

"La legge mira solo a una cosa: prevenire le conseguenze negative della disconnessione dalla rete globale, la cui gestione è principalmente all'estero", ha affermato.

"Non stiamo andando verso la chiusura di Internet e non intendiamo farlo."

La legislazione mira a instradare il traffico web russo e i dati attraverso punti controllati dalle autorità statali e costruire un sistema nazionale di domini capace di porre fine alla dipendenza del Paese dai sistemi esteri, i quali la Russia teme potrebbero essere chiusi da un governo straniero.

I test di lunedì saranno di natura esplorativa, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del ministero delle comunicazioni Yevgeny Novikov, con i partecipanti che mirano a elaborare l'intera gamma di potenziali impatti esterni su Internet e le infrastrutture di comunicazione in Russia.

Tags:
internet, Internet
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook