19:35 24 Febbraio 2020
Mondo
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

Ajmal Ahmadi, ministro afghano del Commercio e dell'Industria, in un'intervista esclusiva con Sputnik ha parlato delle stato attuale e delle prospettive per lo sviluppo dei rapporti commerciali tra Russia e Afghanistan, di proposte di cooperazione e di mezzi economici per combattere la produzione e la vendita di droga.

— Qual è l'attuale livello delle relazioni commerciali tra Russia e Afghanistan, qual è il loro potenziale?

— Per diversi anni, il commercio bilaterale è sceso da 1 miliardo di dollari fino a 150 milioni di dollari. Vogliamo aumentare il  livello ed ora si sono create buone condizioni. Vogliamo avere più legami con i Paesi dell'Asia centrale, pertanto quest'anno commerciamo molto con Turkmenistan, Kazakistan e Uzbekistan. Speriamo di poter aprire più ampie vie di esportazione verso la Russia, nonché importare merci da questo Paese.
Ci sono molti uomini d'affari afghani che vivono in Russia e molti afghani che parlano russo in Afghanistan. Ora abbiamo risolto alcuni problemi legati al transito, creato corridoi di trasporto, quindi prevediamo di poter migliorare gli scambi commerciali.

— Quali beni vengono esportati dall'Afghanistan in Russia e importati dalla Russia in Afghanistan?

— In passato esportavamo frutta, frutta secca ed altri beni, ma negli ultimi anni le esportazioni sono diminuite. Il nostro governo ha aperto diverse rotte di transito per gli imprenditori afghani, una delle quali è rappresentata da corridoi aerei. Grazie a queste esportiamo merci in 50 Paesi, tra cui India, Emirati Arabi, Turchia, Europa e Paesi dell'Asia centrale. Per quanto riguarda Mosca, abbiamo discusso della possibilità di aprire corridoi aerei diretti e speriamo che presto saranno possibili voli diretti per Mosca. Se parliamo dell'importazione di merci russe, attualmente stiamo importando petrolio e diverse altre materie prime, ma le possibilità sono molto più ampie.

— Quanto è sicuro trasportare merci via terra, anche via ferrovia, in condizioni di instabilità in Afghanistan?

— Tutto quello che riguarda il transito, il trasporto di merci fuori dall'Afghanistan, non è fonte di problemi. Tutti i problemi riguardano il solo Afghanistan per la mancanza di sicurezza. Ora le nostre forze di sicurezza, così come il ministero della Difesa, stanno lavorando su questo problema.

— Quale valuta viene utilizzata nelle transazioni commerciali?
— Dipende dal Paese con cui commerciamo. Se sono gli Emirati, le transazioni sono in dollari, se l'India usiamo le rupie, con l'Iran il rial, con la Russia il rublo.

— L'Afghanistan prevede di effettuare transazioni con la sua valuta nazionale?

— No, l'Afghanistan non è in grado di offrire la propria valuta per il commercio.

— L'eroina è il principale prodotto di esportazione per l'Afghanistan?

— Sì, questo è un grosso problema per il nostro Paese. Gli agricoltori afghani non vogliono coltivare i papaveri da oppio, ma non c'è altra alternativa. Sono costretti a coltivarli. Se il governo afghano può costruire infrastrutture industriali, organizzare un chiaro sistema di approvvigionamento idrico, avviare il processo di erogazione di prestiti a imprenditori privati, inclusi gli agricoltori, e formare la base appropriata per l'esportazione di merci afghane in altri Paesi, allora possiamo ridurre il livello di produzione di droga.

Tags:
Società, Droga, Afghanistan
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook