22:23 12 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
0 01
Seguici su

Trovata una falla in WhatsApp che permette agli hacker di intrufolarsi nelle chat di gruppo e di mandare in crash l'applicazione. Ecco come difendersi.

Nuova falla nella sicurezza di WhatsApp, l’applicazione di messaggistica istantanea tra le più utilizzate al mondo. Secondo la società di sicurezza informatica Check Point Software Technologies, una breccia nell’applicazione consentirebbe a un hacker di intrufolarsi nelle chat di gruppo, recapitando un messaggio distruttivo che causa un crash dell’applicazione e costringe tutti i membri di quel gruppo a reinstallare WhatsApp.

Cosa succede nella pratica

Il malware, una volta entrato nella chat di gruppo, manda in crash l’applicazione WhatsApp di tutti gli appartenenti al medesimo gruppo (ma non di altri gruppi), costringendoli a disintallare l’applicazione e a reinstallarla.

Ciò però non basterà a recuperare il gruppo, il quale dovrà essere cancellato perché ormai infettato dal malware. Si perderà quindi tutta la cronologia dei messaggi scritti nel gruppo, ma non c’è altra soluzione.

Come fa l’hacker ad entrare e quali i gruppi più bersagliati?

L’hacker, per poter sferrare l’attacco distruttivo deve necessariamente avere accesso al gruppo. Ciò significa che può essere solo un membro del gruppo a inoculare il messaggio distruttivo a tutti gli altri partecipanti del gruppo.

Attenzione, quindi, ai gruppi WahtsApp pubblici e aperti anche a persone che non si conoscono.

Come proteggersi?

Il team di sviluppatori è stato avvertito della vulnerabilità alcuni mesi fa ed ha provveduto a potenziare l’applicazione eliminando il problema.

Bisogna fare un aggiornamento di WhatsApp ad almeno la versione 2.19.58 che contiene la patch di sicurezza.

Correlati:

Il tasto Crisis response di Facebook arriva anche su Whatsapp
Whatsapp, in arrivo nuova funzione a pagamento per la pianificazione degli eventi
WhatsApp smetterà di funzionare su milioni di smartphone nel 2020
Tags:
whatsapp
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook